ASIA/FILIPPINE - Assedio di Marawi: bambini come scudi umani e soldati

giovedì, 1 giugno 2017 guerre   islam   terrorismo   islam politico   isis   chiese locali   preghiera   infanzia  

Marawi (Agenzia Fides) - “Preghiamo per p. Chito Suganob, perché abbia perseveranza nella fede e perché il Signore doni la grazia della fortezza a lui e ai suoi compagni rapiti dai terroristi. Gli ostaggi non si possono mai considerare ‘danni collaterali’, dunque speriamo che le forze armate facciano il possibile per salvarli. Sono nostri fratelli, e preghiamo per loro”: lo dice all’Agenzia Fides il Vescovo di Marawi, Mons. Edwin de la Pena, mentre l’assedio alla città di Marawi, sull'isola filippina di Mindanao, prosegue (vedi Fides 26 e 30/5/2017). Le forze governative hanno ripreso quasi l’intera città, che era stata occupata dai jihadisti, e solo circa 50-100 miltanti restano asserragliati nelle ultime case, dove si trovano anche oltre 200 ostaggi tra i quali donne, bambini, un sacerdote e 15 fedeli cattolici. I militanti del gruppo terrorista "Maute", collegato allo Stato Islamico, utilizzano donne e bambini come scudi umani, e intendono usarli per fuggire.
Secondo cifre ufficiali, almeno 174 sono le vittime del conflitto in corso dal 23 maggio a Marawi, mentre è tuttora in vigore sull’isola di Mindano la legge marziale dichiarata dal presidente Rodrigo Duterte.
Intanto anche la crisi umanitaria si aggrava: secondo l’Unicef almeno 50.000 bambini sono stati coinvolti nel conflitto e alcuni di loro sono utilizzati dai terroristi come combattenti. “Siamo profondamente preoccupati per qualsiasi azione che possa mettere in pericolo la vita e la sicurezza dei bambini e disturbare il loro sviluppo generale o l'accesso a servizi sociali di base, come l'istruzione e la sanità”, ha dichiarato Lotta Sylwander, responsabile Unicef nelle Filippine. Il conflitto potrebbe avere un impatto grave e lungo termine sulla salute psico-sociale dei bambini. Nel conflitto sono andate distrutte due scuole elementari di Marawi. (PA) (Agenzia Fides 1/6/2017)


Condividi: Facebook Twitter Google Blogger Altri Social Network
guerre


islam


terrorismo


islam politico


isis


chiese locali


preghiera


infanzia