Missionari uccisi

VATICANO - Modelli di santità africana: la Beata suor Marie-Clémentine Anuarite Nengapeta e il Beato Isidore Bakanja, martiri congolesi

Tuesday, 03 December 2019

Città del Vaticano (Agenzia Fides) – “Oggi ricordate una figura bellissima, la Beata Marie-Clémentine Anuarite Nengapeta, violentemente uccisa non prima di aver detto al suo carnefice, come Gesù: «Ti perdono, perché non sai quello che fai!». Chiediamo per sua intercessione che, in nome di Dio-Amore e con l’aiuto delle popolazioni vicine, si rinunci alle armi, per un futuro che non sia più gli uni contro gli altri, ma gli uni con gli altri, e ci si converta da un’economia che si serve della guerra a un’economia che serva la pace”. Con queste parole pronunciate durante l’omelia della Messa celebrata per la comunità cattolica congolese di Roma e d’Italia, domenica 1 dicembre nella Basilica Vaticana, Papa Francesco ha ricordato la figura della prima martire congolese.
La Beata Clementine Anuarite Nengapeta nacque nel 1939 da genitori che seguivano la religione tradizionale africana, a Wamba, nell’allora Congo Belga. Venne battezzata in seguito, insieme alla madre, seguendo gli studi presso le Suore del Bambino Gesù di Nivelles, dove si diplomò.
Entrata nella Congregazione locale della Santa Famiglia, emise la sua prima professione religiosa il 5 agosto 1959. Nell’ambito della sua vita religiosa, suor Anuarite svolse con umiltà, diligenza e amore gli incarichi più diversi: sagrestana, aiuto cuoca e insegnante in una scuola elementare.
Nel 1961, a nemmeno un anno dall’indipendenza, il Paese si ritrovò nel caos della guerra civile provocata dal tentativo secessionista del Katanga. Dopo l’intervento delle truppe delle Nazioni Unite, la rivolta secessionista viene bloccata, ma permangono le tensioni che sfociano nella rivolta dei “Simba” nell’est del Congo. Il 29 novembre 1964, i “Simba” rapiscono suor Anuarite insieme ad un gruppo di consorelle e vengono trasportate a Isiro, nel nord-est del Paese. Il comandante del gruppo ribelle tenta più volte di violare l’impegno alla castità di suor Anuarite che si oppone energicamente, affermando di “preferire morire piuttosto che commettere peccato”.
Nella notte del 1° dicembre 1964, dopo selvaggi maltrattamenti, suor Anuarite venne uccisa, non prima però di trovare la forza di perdonare il proprio carnefice con queste parole: “Ti perdono, non ti rendi conto di quanto stai facendo, il Padre ti perdoni”. Il 15 agosto 1985, Papa Giovanni Paolo II ha beatificato la suora martire, durante il suo viaggio apostolico in Africa (vedi Fides 27/1/2006)
Un altro modello di santità africana, in particolare congolese, è dato da Isidore Bakanja, laico, catechista. Nato a Bokendela-Bekalaka, tra il 1880 ed il 1890, morto a Busira, il 15 agosto 1909, allora Zaire. Isidore era un giovane della tribù Boangi, convertito al cattolicesimo dai missionari Trappisti belgi, e ricevette il battesimo intorno ai 18 anni. Divenne membro della Confraternita dello Scapolare del Carmelo e istruiva nella fede i suoi giovani compagni di lavoro. Quando il suo padrone, ateo, gli ordinò di togliersi lo Scapolare, egli si rifiutò. Venne quindi selvaggiamento frustato, e sulla sua schiena si produssero ferite incurabili che lo fecero vivere nella sofferenza per sei mesi e mezzo. I missionari mentre stavano amministrandogli gli ultimi sacramenti, lo sollecitarono a perdonare l’uomo che lo aveva frustato, e Isidore rispose: “L’ho già perdonato, e quando sarò nel paradiso, ho intenzione di pregare anche per lui”. Morì abbracciando lo Scapolare e il Rosario l‟8 o il 15 agosto 1909.
Papa Giovanni Paolo II lo ha proclamato beato il 24 aprile 1994, in Piazza San Pietro a Roma, durante l’Assemblea speciale per l‟Africa del Sinodo dei Vescovi. Nell’omelia disse: “Sei stato un uomo dalla fede eroica, Isidoro Bakanja, giovane laico dello Zaire. In quanto battezzato, chiamato a diffondere la Buona Novella, hai saputo condividere la tua fede e hai testimoniato Cristo con tanta convinzione che, ai tuoi compagni, sei apparso come uno di quei valorosi fedeli laici che sono i catechisti. Sì, beato Isidoro, pienamente fedele alle promesse del tuo battesimo, sei stato realmente un catechista, hai operato generosamente per la Chiesa in Africa e la sua missione evangelizzatrice”. (S.L.) (Agenzia Fides 03/12/2019)


Condividi:

2019 - Modelli di santità africana: la Beata suor Marie-Clémentine Anuarite Nengapeta e il Beato Isidore Bakanja, martiri congolesi

2019 - Padre Cremonesi beato: “La sua santità si può riassumere in tre elementi fondamentali: la fede, la carità e la povertà”

2019 - La beatificazione di padre Cremonesi, martire, alla vigilia della Giornata Missionaria nel Mese Missionario Straordinario

2019 - Ucciso un parroco nel Cauca, terreno di scontro tra bande armate vecchie e nuove

2019 - I Catechisti martiri della Chiesa del Mozambico verso la beatificazione

2019 - La prima festa liturgica dei Beati martiri di La Rioja: occasione per conoscere e imitare la loro testimonianza di fede

2019 - Beatificati i martiri di La Rioja: “vissero e morirono per amore”

2019 - I Vescovi della regione di Cordoba: “Viviamo con gioia la grazia della beatificazione”

2019 - Presentato il logo per la beatificazione dei martiri di La Rioja, “gioia di tutto il popolo”

2018 - I missionari uccisi nell'anno 2018

2018 - Speciale Fides: Giovani missionari, testimoni di Cristo fino a dare la vita

2018 - Saranno beatificati l’8 dicembre ad Oran i 19 martiri dell’Algeria

2018 - Ancora un sacerdote assassinato a Medellín

2018 - Un sacerdote ucciso nella zona anglofona, teatro degli scontri con i separatisti

2018 - La Rioja ricorda i suoi martiri, prossimi beati

2018 - Sacerdote ucciso per rubargli il furgone

2018 - Riconosciuto il martirio di Mons. Angelelli, di due sacerdoti e di un laico, uccisi durante la dittatura

2018 - Dalla beatificazione di suor Leonella venga un impulso per la missione e per le vocazioni

2018 - I Vescovi dopo l’ultimo assassinio di un sacerdote: “perché abbiamo perso il rispetto per la vita ?”

2018 - Ucciso il cappellano della comunità cattolica francofona a Berlino

2017 - I missionari uccisi nell'anno 2017

2017 - Traslate le reliquie di padre Ramírez, il Martire di Armero, prossimo beato

2017 - Papa Francesco: “La Chiesa è Chiesa se è Chiesa di martiri”

2017 - Conclusa la fase diocesana della causa di beatificazione del missionario martire p. Ramin

2016 - Gli Operatori pastorali uccisi nell'anno 2016

2015 - Gli Operatori Pastorali uccisi nell’anno 2015

2014 - Gli operatori pastorali uccisi nel 2014

2013 - Elenco degli operatori pastorali uccisi nel 2013

2012 - Elenco degli operatori pastorali uccisi nel 2012

2011 - Elenco degli operatori pastorali uccisi nel 2011

2010 - Elenco degli operatori pastorali uccisi nel 2010

2009 - Elenco degli operatori pastorali uccisi nel 2009

2008 - Elenco degli operatori pastorali uccisi nel 2008

2007 - Elenco degli operatori pastorali uccisi nel 2007

2006 - Elenco degli operatori pastorali uccisi nel 2006

2005 - Elenco degli operatori pastorali uccisi nel 2005

2004 - Elenco degli operatori pastorali uccisi nel 2004

2003 - Elenco degli operatori pastorali uccisi nel 2003

2002 - Elenco degli operatori pastorali uccisi nel 2002

2001 - Elenco degli operatori pastorali uccisi nel 2001

2000 - Elenco degli operatori pastorali uccisi nel 2000

1999 - Elenco degli operatori pastorali uccisi nel 1999

1998 - Elenco degli operatori pastorali uccisi nel 1998

1997 - Elenco degli operatori pastorali uccisi nel 1997

1996 - Elenco degli operatori pastorali uccisi nel 1996

1995 - Elenco degli operatori pastorali uccisi nel 1995

1994 - Elenco degli operatori pastorali uccisi nel 1994