http://www.fides.org

Asia

2012-03-08

ASIA/AFGHANISTAN - Limitare i diritti delle donne: il governo d’accordo con gli Ulema

Kabul (Agenzia Fides) – Il governo afgano del presidente Hamid Karzai ha dato sostegno pubblico a un “Codice di comportamento” che limita i diritti delle donne, emanato dall’influente Consiglio degli Ulema, organismo che riunisce i principali leader islamici afgani. Come afferma una nota inviata a Fides dalla “Human Rights and Democracy Organisation”, Ong della società civile afgana, questo passo è una concessione alla sharia (la legge islamica) e ai talebani, è “un enorme passo indietro” sul tema dei diritti femminili e rappresenta una violazione della stessa Costituzione afgana, che sancisce la parità tra uomo e donna.
Il Codice consente ai mariti, in alcuni casi, di malmenare le mogli, e incoraggia la segregazione di genere, riportando quasi le donne afgane all’epoca del regime dei talebani. Il testo indica una serie di linee guida che “le donne religiose dovrebbero osservare volontariamente”: le donne non sono autorizzate a viaggiare senza essere accompagnate da un uomo e non possono parlare con sconosciuti in luoghi quali scuole, mercati e uffici. Picchiare la propria moglie – afferma il testo – è vietato solo “nel caso questo gesto non sia compiuto in conformità con la sharia”.
Secondo gli osservatori, l’appoggio pubblicamente espresso dal Presidente Karzai su tali norme potrebbe essere una mossa per ottenere il sostegno politico degli Ulema nelle delicate trattative con i talebani. Fatana Ishaq Gailani, fondatrice dell’Ong “Afghanistan Women's Council”, commenta: “I diritti delle donne sono stati usati come merce di scambio in un gioco politico”, aggiungendo: “vogliamo un islam giusto, non un islam politico”. (PA) (Agenzia Fides 8/3/2012)

Condividi: Facebook Twitter Google Blogger Altri Social Network