http://www.fides.org

Asia

2011-07-04

ASIA/THAILANDIA - Riconciliazione nazionale, lotta alla povertà, valori: le priorità della prima donna Premier

Bangkok (Agenzia Fides) – “Tutti devono accettare il risultato delle elezioni democratiche. In ogni caso, la priorità per il paese è una autentica riconciliazione nazionale”: è il commento a caldo rilasciato all’Agenzia Fides da P. Peter Watchasin, sacerdote di Bangkok e Direttore Nazionale delle Pontificie Opere Missionarie (POM) in Thailandia dopo il voto di ieri (vedi Fides 2/7/2011). Le elezioni generali hano sancito la vittoria del partito “Pheu Thai”, guidato da Yingluck Shinawatra, sorella dell’ex Primo ministro tailandese in esilio per corruzione. Il suo partito ha guadagnato 264 seggi in parlamento, mentre i democratici di Abhisit Vejjajiva (premier uscente) ne hanno ottenuti 160.
“La riconciliazione – spiega p. Peter – è quanto ha promesso la vincitrice Shinawatra. La nuova leader, che sarà Primo Ministro, ha detto che le priorità del nuovo governo saranno la riconciliazione, la lotta alla povertà e la ripresa economica del paese. Inoltre ha detto che un punto di riferimento per lei saranno i leader religiosi, con il loro patrimonio di valori e di moralità che deve essere molto importante per una buona politica”.
Sull’attuale situazione a Bangkok, il sacerdote racconta: “La gente è soddisfatta e fiduciosa, non c'è stata violenza nel processo elettorale. Gli attivisti delle ‘camicie rosse’ sono in strada a festeggiare pacificamente. Il Sud del paese ha votato per i Democratici, il Nord per i rossi che, a sorpresa, hanno conquistato anche Bangkok”. Le principali ragioni della sconfitta dei Democratici, secondo il Direttore delle POM, sono dovute al fatto che “i Democratici non hanno saputo rispondere alle attese e ai bisogni delle fasce più povere della popolazione, soprattutto delle masse rurali. I rossi invece, negli scorsi 12 mesi, hanno continuato instancabilmente una campagna di sensibilizzazione capillare, villaggio per villaggio. Hanno lavorato molto: i contadini hanno finalmente trovato persone che si sono interessate alla loro situazione e hanno dato loro fiducia”.
Inoltre, ricorda P. Peter, “la Commissione speciale per la riconciliazione, istituita dal governo dopo le violenze dello scorso anno, non ha dato i risultati sperati: agli interrogativi che la Commissione ha sollevato sulle violenze, il governo dei Democratici non ha dato risposta. Chi ha ucciso? Perchè i militari hanno caricato i civili ? tante altre domande sono rimaste inevase. Questo è stato un errore grave, che è alla radice della sconfitta di oggi”.
Novità assoluta in Thailandia è una donna premier: “Una donna premier, per la prima volta nella storia, è un buon segno per il paese, per il riconoscimento del ruolo delle donne, sempre più presenti nella finanza, nella politica, nella leadership della società civile” rimarca il Direttore delle POM.
Sui rischi per il futuro, afferma: “Non credo nel pericolo di un golpe militare (l'esercito ha detto di accettare il verdetto delle elezioni), né nel possibile ritorno in patria di Thaksin Shinawatra. Va detto che le camicie rosse sono un movimento eterogeneo e non tutti sono accesi sostenitori dell’ex Primo ministro”. “Vedremo cosa ci aspetta: i fedeli cattolici – conclude p. Watchasin – nutrono buone speranze per il futuro. Hanno pregato per le elezioni e stanno pregando per il nuovo governo.” (PA) (Agenzia Fides 4/7/2011)

Condividi: Facebook Twitter Google Blogger Altri Social Network