ASIA/FILIPPINE - Sostenere il settore agricolo per attenuare l'impatto economico del coronavirus  

mercoledì, 29 aprile 2020 coronavirus   caritas   sviluppo   sviluppo sostenibile   economia  

Manila (Agenzia Fides) - Per affrontare la crisi economica causata della pandemia di Covid-19, la Chiesa nelle Filippine auspica e chiede al governo "misure per fornire un supporto più forte e mirato all'agricoltura". lo afferma una nota di mons. Jose Colin M. Bagaforo, Direttore nazionale della Caritas nelle Filippina (nota come Segretariato Nazionale per l'Azione Sociale, NASSA). Recita la nota: "È giunto il momento di rafforzare i nostri programmi in materia di sicurezza alimentare, fornendo il sostegno necessario agli agricoltori e ai pescatori che rimangono fino a questo momento, il settore più povero del paese". Nel testo inviato a Fides il presule dichiara: "La crisi portata da COVID-19 ci obbliga a garantire che ogni famiglia filippina sia assicurata con un'ampia offerta di generi alimentari di base e questo può essere fornito solo se viene data priorità al settore agricolo", dato che, si rileva, i provvedimenti e le iniziative di assistenza non possono e non riescono a raggiungere tutti. "Esortiamo fortemente il nostro governo, in particolare il Dipartimento dell'Agricoltura, a iniziare a mobilitare gli agricoltori a livello comunitario", aggiunge, citando alcuni dei programmi avviati Caritas Filippine sull'agricoltura sostenibile.
Mons. Bagaforo ricorda che “le nostre fattorie comunitarie stanno aiutando a fornire ortaggi freschi alle famiglie gravemente colpite dalla sospensione del lavoro a Iligan, Bayombong e Camarines Sur; mentre una cooperativa di agricoltori locali sostenuta dalla diocesi di Libmanan a Camarines Norte e il programma 'Gratia Plena' della diocesi di San Jose a Nueva Ecija stanno fornendo migliaia di sacchi di riso biologico alle popolazione delle province di Luzon”. “Il Caritas Kindness Store di San Carlos - prosegue- offre l'opportunità agli agricoltori locali di vendere i loro raccolti a prezzi equi senza interferire con i piccoli commercianti, sostenendo al contempo l'offerta locale di ortaggi e colture. Lo stesso accade per i contadini di Mindanao. "
Inoltre, si nota, "i programmi di coltivazione e le serre avviate a Iloilo, Bukidnon, Quezon, Leyte, province di Samar, Capiz, Oriental Mindoro e Zambales assicurano la sicurezza alimentare a livello familiare fornendo al contempo un reddito stabile aggiuntivo alle famiglie di agricoltori. E la distribuzione di piantine offre aiuti alimentari nell'arcidiocesi di Cebu".
"Non si può combattere l'impatto economico negativo di COVID-19 con il solo programma di assistenza sociale, anche se avremo il prestito di 280 miliardi di pesos dalla Banca mondiale e dalla Banca asiatica di sviluppo. La nostra industria alimentare deve essere supportata soprattutto dal nostro settore agricolo. Vinceremo questa crisi se riusciremo a garantire che nessuna famiglia filippina subisca la fame ”, afferma Mons. Bagaforo. Gli aiuti e i programmi avviati dalla Caritas per rispondere all'emergenza di COVID-19 raggiunge oltre 1,4 miliardi di pesos e beneficia oltre 4 milioni di famiglie in tutto il paese.
(SD-PA) (Agenzia Fides 29/4/2020)


Condividi: