ASIA/NEPAL - I giovani cristiani del Nepal si impegnano a combattere l'Aids

mercoledì, 26 giugno 2019 aids   solidarietà   discriminazione   malattie   sanità   giovani  

Kathmandu (Agenzia Fides) - I giovani cristiani del Nepal si impegnano a prendere iniziative per contrastare l'AIDS e la diffusione dell'HIV in Nepal. Come appreso dall'Agenzia Fides, uno specifico percorso di formazione è stato organizzato nei giorni scorsi dalla Conferenza cristiana dell'Asia (CCA), ospitato dal Consiglio nazionale delle Chiese in Nepal (NCCN), rivolto a trentacinque giovani cristiani di diverse confessioni, provenienti da diverse parti della nazione.
Il programma, di natura motivazionale, ha coinvolto i giovani attraverso processi partecipativi e interattivi, puntando a una lettura e interpretazione contestuale della Bibbia e sull'analisi delle situazioni di vita reale. Lo scopo era portare i giovani partecipanti a pensare al di fuori delle loro "zone di comfort" e, in particolare, ad aumentare la consapevolezza del programma nazionale sull'AIDS in Nepal. I giovani sono stati messi a conoscenza dell'impatto e della diffusione dell'HIV sulla popolazione. Le informazioni, condivise in varie sessioni di formazione, hanno permesso ai partecipanti di comprendere meglio il ruolo della Chiesa e della gioventù cristiana nel rispondere efficacemente alla sfida dell'AIDS.
 La mancanza di consapevolezza, infatti, causa lo "stigma" e la discriminazione verso le persone sieropositive. "I giovani dovrebbero portare il messaggio oltre le mura della Chiesa e portare il tocco di guarigione di Gesù a quanti soffrono", ha detto Aiman ​​Singh Gurung, presidente dell'NCCN.
Riflettendo sulla narrazione biblica della guarigione del lebbroso, Vinod Victor, della Chiesa dell'India del Sud, ha sottolineato "il bisogno di solidarietà con le persone che vivono nel dolore e nella malattia". I cristiani sono chiamati a seguire Gesù e a mostrare la sua medesima compassione verso gli emarginati, ha detto.
Nirmala Gurung, giovane cristiana nepalese, ha apprezzato il seminario "per aver affrontato il problema molto serio e importante dell'AIDS di cui non si parla abbastanza in Nepal, sebbene il problema riguardi la società".
I piani d'azione sviluppati durante il seminario mirano a sviluppare una strategia adeguata per coinvolgere altri giovani e raggiungere soprattutto le zone rurali. I piani d'azione comprendono una strategia di advocacy per richiedere servizi di test, trattamento, cura, assistenza e supporto per le persone sieropositive o malate di Aids..
Il seminario svolta in Nepal fa parte di una serie di programmi che intendono coinvolgere i giovani asiatici attraverso il programma dal titolo "Agire insieme per combattere l'HIV e l'AIDS in Asia".
Secondo le Nazioni Unite, gli adulti e i bambini nepalesi che hanno contratto il virus sono 31.000 a partire dal 2017. (SD) (Agenzia Fides 26/6/2019)


Condividi: