ASIA/TERRA SANTA - Un “patto” anti-abusi sui minori per le scuole del Patriarcato latino di Gerusalemme

giovedì, 23 maggio 2019 medio oriente   scuola   istruzione   minori   abusi sessuali   pedofilia   discriminazione  

lpj

Ramallah (Agenzia Fides) – Un accordo-quadro sulle politiche di protezione dei minori da seguire negli istituti scolastici che fanno capo al Patriarcato di Gerusalemme dei Latini è stato presentato mercoledì 22 maggio da padre Iyad Twal, direttore delle scuole del Patriarcato in Palestina e Israele. La presentazione dell’accordo è avvenuta presso l’Ahliya College di Ramallah. L’accordo – riferiscono le fonti ufficiali del Patriarcato Latino di Gerusalemme – è stato definito in collaborazione e con il contributo di World Vision international, organizzazione umanitaria indipendente di ispirazione cristiana, fondata nel 1950 dal missionario statunitense battista Robert Pierce.
Negli ultimi due anni, World Vision aveva già sostenuto diversi incontri e corsi di formazione sulle politiche di protezione dei minori rivolte a dirigenti scolastici e assistenti sociali e genitori. Un lavoro che proseguirà nel prossimo futuro, in modo da poter applicare in maniera organica i protocolli sulla protezione dei minori nelle scuole del Patriarcato entro l'inizio del prossimo anno scolastico accademico.
Padre Iyad, nel suo intervento, ha espresso gratitudine e soddisfazione per questa iniziativa, grazie al quale le scuole del Patriarcato latino di Gerusalemme diventeranno la prima rete di istituti scolastici della regione in grado di dotarsi di un codice organico di misure per prevenire e combattere i fenomeni di abusi sui minori.
Il protocollo punta a garantire che le scuole del Patriarcato rimangano un luogo sicuro e accogliente, dove gli studenti di ogni ordine e grado possano crescere e formarsi al riparo da ogni forma di abuso e discriminazione. L’iniziativa è diretta a sensibilizzare anche i genitori e le reti familiari, coinvolgendole nel comune impegno per la tutela dei minori da ogni violenza. (GV) (Agenzia Fides 23/5/2019).


Condividi: