AMERICA/CILE - La Cattedrale di Concepcion occupata dai familiari del prigionieri politici Mapuche, Mons. Chomali mediatore

venerdì, 22 settembre 2017 indigeni   povertà   democrazia   politica  
La Cattedrale di Concepcion occupata dai familiari del Prigionieri Politici Mapuche, Mons. Chomali mediatore

Twitter

La Cattedrale di Concepcion occupata dai familiari del Prigionieri Politici Mapuche, Mons. Chomali mediatore

Concepcion (Agenzia Fides) – Un gruppo di manifestanti, familiari dei Prigionieri Politici Mapuche (PPM), ha occupato la Cattedrale di Concepción. Dopo il fatto accaduto ieri, l'Arcivescovo Mons. Fernando Chomali ha invitato le autorità a prendere seriamente in considerazione le richieste della popolazione Mapuche: "È un popolo che necessita di maggiore riconoscimento costituzionale, si deve rispettare di più la loro cultura, il problema della terra non è stato risolto, questi sono i problemi di fondo, credo sia venuto il momento di trattare la questione più seriamente".
Fides ha ricevuto un Tweet dove si informa che l'Arcivescovo Chomali, ha accettato di parlare con Juan Carlos Tralkal, rappresentante dei Prigionieri Politici Mapuche (PPM) che hanno occupato la Cattedrale e hanno iniziato uno sciopero della fame al fine di attirare l'attenzione dell'opinione pubblica di tutto il paese.
Mons. Chomali ha espresso il suo parere riguardo alla situazione degli scioperanti durante una conferenza stampa: costoro non hanno avuto il dovuto processo, soprattutto dopo un anno di prigione preventiva. Inoltre l'occupazione della Cattedrale è stato un atto concordato e per nessun motivo saranno allontanati dalla polizia. Mons. Chomali ha pure informato che accetta di mediare tra le autorità regionali dell'Araucania e i familiari dei Prigionieri Politici Mapuche (PPM).
Da parte sua, Juan Carlos Tralkal, uno dei portavoce delle famiglie Mapuche, ha ringraziato la Chiesa per la sua opera e ha affermato che le manifestazioni in diverse città del Cile sono conseguenti alla radicalizzazione del movimento a sostegno degli scioperanti. "L'occupazione della Cattedrale è un atto simbolico, che ha come obiettivo principale quello di rompere il circuito mediatico per richiamare l’attenzione e far sì che le persone vengano a sostenere i mapuche che sono in prigione a Temuco" ha precisato Tralkal.
Fides ha informato sulla “Causa Mapuche” e sul contributo della Chiesa fin dai primi sviluppi della vicenda (vedi Fides 9/07/2004), seguendo negli ultimi tempi l’attività del Tavolo di Dialogo fra Mapuche e governo Cileno, sotto la guida di Mons. Vargas (vedi Fides 7/01/2014) con il supporto dato dalla Conferenza Episcopale del Cile.
(CE) (Agenzia Fides, 22/09/2017)


Condividi: Facebook Twitter Google Blogger Altri Social Network