AMERICA/COLOMBIA - Riconciliazione con la creazione e tutela dell'Amazzonia colombiana

martedì, 20 giugno 2017 ambiente   indigeni   chiese locali  

Leticia (Agenzia Fides) – Si è aperto ieri, 19 giugno, a Leticia, il terzo Incontro della Rete Ecclesiale Pan-Amazzonica “REPAM-Colombia”. Fino al 24 giugno più di 100 persone approfondiranno la realtà dell'Amazzonia colombiana e definiranno le strategie più opportune per lavorare insieme per la cura del bioma Amazzonico. Sarà presente anche la Commissione dei Vescovi dell'Amazzonia. L’obiettivo, secondo il comunicato pervenuto a Fides, è rafforzare l'identità della REPAM-Colombia alla luce dell’enciclica Laudato Sì, come percorso per la riconciliazione con la creazione e la tutela dell'Amazzonia colombiana. Inoltre si mira a rafforzare il lavoro ecclesiale in comunione, per ottenere un'azione più efficace come rete e concordare l'attuazione del piano comune d'azione. In apertura dei lavori è stata presentata la realtà di Mocoa ed è stata celebrata una Messa in suffragio delle vittime della frana che ha travolto la cittadina di Mocoa alla fine di marzo.
Secondo il programma di lavoro, sarà approfondita la realtà dei territori e delle Chiese locali nelle tre sub-regioni dell’Amazzonia, che comprendono 12 giurisdizioni ecclesiastiche del sud. Tra i relatori invitati prenderanno la parola Mons. Joselito Carreño, Vescovo di Puerto Inirida, e Cesar Baratto, teologo e responsabile della famiglia francescana, docente presso l'Università Santo Tomas. Armando Valbuena, consulente dell'Organizzazione Nazionale Indigena della Colombia ONIC (popolo Wayu), presenterà un'analisi della situazione ecologica delle popolazioni indigene. Questo spazio si concluderà con l'intervento di Anitalia Ti Jachi Kulluedo, capo Uitoto, che proporrà una riflessione sulla riconciliazione tra i popoli indigeni e la Chiesa.
Come conclusione di questo incontro, si intende redigere un piano di azione concreto che, come REPAM, possa fare fronte alle principali sfide della realtà amazzonica colombiana. (SL) (Agenzia Fides 20/6/2017)


Condividi: Facebook Twitter Google Blogger Altri Social Network