AFRICA/EGITTO - Arcivescovo copto: crescono gli attacchi settari, uno ogni dieci giorni

lunedì, 11 luglio 2016 settarismi  

CoptsUnited.com

Minya (Agenzia Fides) – Un appello per chiedere alle forze di polizia di far rispettare la legge che tutela i cittadini da ogni discriminazione settaria è stato lanciato ieri da Anba Makarius, Arcivescovo copto ortdosso di Minya, dopo la serie di episodi che nelle ultime settimane hanno di nuovo fatto registrare un'impennata dei casi di violenza subiti in particolare dai cristiani egiziani. Ormai – ha fatto notare l'Arcivescovo copto ordodosso – tali attacchi violenti di varia natura, dall'assalto alle case fino ai rapimenti mirati a scopo di estorsione, si susseguono a una media di uno ogni dieci giorni. Negli ultimi tempi si sono registrati, tra gli altri, l'assalto a case di famiglie cristiane perpetrate nel villaggio di Karm el Loofy (vedi Fides 9/7/2016), l'incendio di un asilo gestito da cristiani e quello di coltivazioni appartenenti a proprietari cristiani, avvenuti in due villaggi del governatorato di Minya. L'episodio più grave delle ultime settimane è stato l'omicidio di Rafael Moussa, sacerdote copto ortodsso della chiesa di San Giorgio, perpetrato da un commando armato ad Al Arish, la città costiera del Nord del Sinai che si trova ad appena una ventina di chilometri da Gaza. I gruppi jihadisti hanno rivendicato l'omicidio, definendo padre Rafael come un “combattente infedele”. (GV) (Agenzia Fides 11/7/2016).


Condividi: Facebook Twitter Google Blogger Altri Social Network