AMERICA/COSTA RICA - Denuncia dei Vescovi: raddoppiata la violenza contro l’infanzia

mercoledì, 2 marzo 2016 violenza   bambini di strada   vescovi   conferenze episcopali  
violenza contro l’infanzia

violenza contro l’infanzia

San José (Agenzia Fides) – La Conferenza episcopale del Costa Rica, a conclusione della sua recente Assemblea, ha pubblicato un Messaggio con il titolo: "Misericordia o Violenza?". "Con profondo dolore presentiamo i dati dell’Organismo di Ricerca Giudiziaria - si legge nelle prime righe del testo pervenuto a Fides -, che nel 2015 nel Paese ci sono stati 560 omicidi, il numero più alto degli ultimi anni secondo le Nazioni Unite". Nonostante questa cifra sia notevolmente più bassa rispetto agli Stati vicini, resta comunque preoccupante, anche perché "un quarto di questi omicidi è legato a episodi di narcotraffico" affermano i Vescovi.
"Sono scioccanti anche gli atti di violenza contro l’infanzia: in meno di un decennio si sono raddoppiati. Se nel 2014 l’Ospedale nazionale dei bambini ha assistito 2.400 ragazzi aggrediti, nel 2015 si è passati a 3.100". A tale proposito i Vescovi denunciano tanti casi di violenza intra familiare, bullismo ed aggressioni ad opera di bande.
Di fronte a questa situazione, la Conferenza Episcopale lamenta un inefficace controllo della violenza, ricordando la scelta del paese di fare a meno dell’esercito liberando così risorse per le politiche sociali. Poi aggiunge: "Ogni ingiustizia è un atto di violenza. Nel nostro paese la fame, la mancanza di alloggi dignitosi, la mancanza di cure mediche adeguate, ecc ... fanno violenza a 317.660 famiglie, che costituiscono più di un milione di persone che vivono in povertà, e altre 374.185 che soffrono di estrema povertà".
Nel richiamare le parole di Papa Francesco alla centralità della misericordia e della riconciliazione, i Vescovi concludono dicendo: “È nelle nostre mani la possibilità di recuperare in Costa Rica una società nella quale brillino la pace e il pieno rispetto della vita umana”.
(CE) (Agenzia Fides, 02/03/2016)


Condividi: Facebook Twitter Google Blogger Altri Social Network