ASIA/INDIA - Un sito web sui martiri dell’Orissa

venerdì, 26 febbraio 2016 minoranze religiose   induismo   persecuzioni   libertà religiosa   mass-media  

Bhubaneswar (Agenzia Fides) – Un sito web per raccontare il calvario che vivono ancora oggi i sopravvissuti dei massacri anticristiani in Orissa, a livello sociale, giudiziario, religioso: è l’iniziativa lanciata da un gruppo di attivisti, giuristi, avvocati, accademici, scrittori e artisti, che notano come il cammino della giustizia per i responsabili dei massacri proceda “a passo di lumaca” o ne garantisca l’impunità. Come riferito a Fides dal sacerdote dell’Orissa, p. Ajaya Kumar Singh, il sito web www.kandhamal.net, che è stato appena messo in linea, sarà una fonte di informazioni, dati e documentazione, sia per l’assistenza legale, sia per quanti operano con i sopravvissuti alla violenza, sia per tutti coloro che vorranno comprendere a fondo la vicenda. Servirà anche a “focalizzare l'attenzione sul fallimento dei governi dell’Orissa e dell’Unione indiana per garantire la completa riabilitazione e risarcimento delle vittime” osserva.
Due commissioni di inchiesta sulla violenza di Kandhamal, nominate dal Primo ministro dell’Orissa, Naveen Pattnaik, hanno presentato i loro rapporti verso la fine del 2015, ma le relazioni non sono ancora state rese pubbliche. La violenza del 2008 ha causato la morte di circa cento cristiani e la distruzione di 8500 case e 395 chiese. Gruppi della società civile stimano che gli sfollati cristiani, cacciati per sempre dai loro villaggi sono stati oltre 56.000. (SD-PA) (Agenzia Fides 26/2/2016)


Condividi: Facebook Twitter Google Blogger Altri Social Network