http://www.fides.org

News

2013-03-18

AFRICA/CENTRAFRICA - Nuove violenze contro i religiosi mentre i ribelli minacciano di marciare sulla capitale

Bangui (Agenzia Fides)- Un religioso è stato aggredito la scorsa settimana nel villaggio di Bangao (a 80 km da Bambari nella Repubblica Centrafricana) dai ribelli della coalizione Seleka.
Secondo le testimonianze raccolte dal Réseau des journalistes pour les Droits de l’homme en République Centrafricaine (RJDH-RCA) i ribelli hanno ingiunto al religioso di consegnare le chiavi della sua automobile, in panne. Di fronte al suo rifiuto, i ribelli lo hanno colpito con una cintura. Una violenza gratuita perché i ribelli sono stati poi costretti ad abbandonare il veicolo, viste le sue pessime condizioni.
A Bambari i ribelli hanno saccheggiato la farmacia della diocesi, la radio comunitaria e gli uffici della Caritas.
Nel sud-est del Paese la popolazione delle città minacciate dall’avanzata di Seleka si trova di fronte ad una scelta drammatica: restare in città oppure rifugiarsi nelle foreste dove si nascondono i miliziani dell’LRA (Esercito di Resistenza del Signore, il gruppo di origine ugandese tristemente noto per le violenze sulla popolazione civile)?
Nel frattempo la coalizione Seleka ha lanciato un ultimatum di 72 ore al Presidente François Bozizé perché applichi integralmente gli accordi di Libreville (firmati l’11 gennaio) altrimenti marceranno sulla capitale Bangui. Una delegazione di 5 ministri che si era recata a negoziare con la dirigenza di Seleka è trattenuta presso il quartiere generale dei ribelli nella città di Sibut.
I ribelli chiedono tra l’altro la liberazione dei prigioni politici e la partenza delle truppe sudafricane dispiegate a Bangui, viste come una sorta di “guardia pretoriana” del Presidente Bozizé. La stampa locale afferma che quest’ultimo può contare inoltre sulla Guardia Repubblicana pesantemente armata e finora tenuta in disparte dai combattimenti, oltre su una milizia recentemente formata. L’eventuale conquista di Bangui con i suoi 800.000 abitanti rischia di finire in un bagno di sangue. (L.M.) (Agenzia Fides 18/3/2013)

Condividi: Facebook Twitter Google Blogger Altri Social Network