AMERICA/VENEZUELA - “La situazione di angoscia e povertà coinvolge tutti” afferma il Vescovo di Los Teques

mercoledì, 3 maggio 2017 politica   povertà   anziani   fame  
Anziani a Los Teques

Anziani a Los Teques

Los Teques (Agenzia Fides) – Il Vescovo della diocesi di Los Teques, Sua Ecc. Mons. Freddy Jesús Fuenmayor Suárez, ha pubblicato un messaggio alla comunità dove, in 8 punti, richiama i sentimenti della Chiesa cattolica riguardo la situazione politica nazionale, già espressi dalla Conferenza episcopale nel gennaio scorso, e invita tutti a riprendere la via del dialogo malgrado sia stato screditato. "Sia il Papa che i Vescovi considerano utile il dialogo solo e quando esistano le condizioni che lo rendono efficace" si legge nel messaggio pervenuto a Fides.
"La situazione di angoscia e povertà che cresce sempre di più, è quella che vive la maggior parte del popolo venezuelano e che adesso coinvolge anche il nostro lavoro pastorale e la nostra vita cristiana. Siamo chiamati, con le nostre carenze e limitazioni, ad aprire i nostri cuori e le nostre mani a coloro che hanno più bisogno" ribadisce il testo. Mons. Fuenmayor Suárez chiama tutti, religiosi e uomini di buona volontà, ad essere solidali con i più poveri in questo momento difficile.
La popolazione continua a soffrire la mancanza di generi alimentari e di medicine. Ieri, 2 maggio, la Fuerza Armada Nacional Bolivariana (FANB) ha emesso un comunicato che appoggia il presidente Maduro nella sua proposta di una Assemblea Nazionale Costituente. Sempre ieri i Rettori delle principali Università del Venezuela (Università Central del Venezuela, Simón Bolívar, Catolica Andrés Bello, Metropolitana e Monteávila) si sono incontrati per esprimere una dura protesta contro la repressione da parte delle forze dell'ordine, per chiedere al governo di rispettare la costituzione vigente e di indire le elezioni per poter ricostruire le istituzioni del paese. I Rettori delle Università hanno partecipato al Forum "Dall’Università verso il Paese", in cui hanno dichiarato che i luoghi di studio pubblici e privati continueranno ad essere al servizio dei venezuelani nel dibattito pluralista, nella ricostruzione delle istituzioni, nel rispetto della costituzione e della democrazia.
(CE) (Agenzia Fides, 03/05/2017)


Condividi: Facebook Twitter Google Blogger Altri Social Network