AMERICA/ARGENTINA - “Giornata dei Martiri latinoamericani” a 40 anni dalla morte di Mons. Angelelli

venerdì, 29 luglio 2016 martiri   animazione missionaria   vescovi   violenza  
Mons. Enrique Angelelli

Mons. Enrique Angelelli

Neuquén (Agenzia Fides) – Giovedì 4 agosto la diocesi di Neuquen, guidata dal suo Vescovo, Sua Ecc. Mons. Virginio Bressanelli, S.C.I. celebrerà la "Giornata dei Martiri latinoamericani", ricordando il 40° anniversario della morte del Vescovo di La Rioja, Sua Ecc. Mons. Enrique Angelelli, avvenuta il 4 agosto 1976, e i 33 anni da quando l’allora Vescovo di Neuquen, Sua Ecc. Mons. Jaime Francisco De Nevares, denunciò l'accaduto come un "crimine della dittatura". Mons. Bressanelli celebrerà una Messa solenne in Cattedrale.
Secondo le informazioni inviate a Fides, durante una conferenza stampa, Mons. Bressanelli, accompagnato dal sacerdote Rubén Capitanio, ha messo in evidenza la figura di Mons. Angelelli e ha annunciato che parteciperà con un gruppo di laici agli atti commemorativi che domenica prossima, 31 luglio, si terranno a La Rioja, la diocesi di cui era Vescovo Mons. Angelelli.
Padre Capitanio ha ricordato che 33 anni fa, durante la Messa celebrata dal Vescovo di Neuquen, Mons. De Nevares, per la prima volta venne denunciato pubblicamente che "Mons. Angelelli era stato ucciso, e ciò ha determinato il caso giudiziario, affidato in seguito alla giustizia di La Rioja per le indagini". “Anche se la pratica è stata archiviata per un lungo periodo di tempo, recentemente è stata ripresa per procedere con il processo e la condanna dei responsabili del crimine" ha detto il sacerdote.
“Vogliamo raccogliere il ricordo di Mons. Angelelli, perché è un ricordo di impegno totale con Dio e con le persone, e da loro siamo certi che si trattava di un impegno pacifico, secondo il Vangelo, per la giustizia, per la verità, per una democrazia dove c'è il vero rispetto da parte di tutti" ha concluso Mons. Bressanelli.
Mons. Enriche Angelelli (1923-1976), Vescovo della diocesi di La Rioja, era uno dei più noti Vescovi del Paese, contrario alla dittatura. Morì in un incidente d'auto simulato, poco dopo l'instaurarsi della dittatura militare. Dopo 38 anni, il 4 luglio 2014, sono stati condannati all'ergastolo due alti ufficiali per l'omicidio del Vescovo. Per decenni le autorità avevano sostenuto che la sua morte fosse stata accidentale. Nel 2015 è stata aperta la fase diocesana della causa di beatificazione.
(CE) (Agenzia Fides, 29/07/2016)


Condividi: Facebook Twitter Google Blogger Altri Social Network