AMERICA/MESSICO - “La violenza segnala un vuoto nella sicurezza dei cittadini” per Mons. Patiño Leal

martedì, 26 luglio 2016 violenza   vescovi   chiese locali  
Giornalisti assassinati Messico

Giornalisti assassinati Messico

Córdoba (Agenzia Fides) – "E' ovvio che si stiano moltiplicando le perdite di vite umane e i rapimenti o le torture. Si è creato un vuoto nel garantire la sicurezza di tutti i cittadini. A quanto sembra, coloro che stanno commettendo tali crimini si sentono molto liberi di agire": lo ha affermato il Vescovo di Córdoba, Sua Ecc. Mons. Eduardo Porfirio Patiño Leal, parlando con alcuni rappresentanti della stampa locale dopo la Messa di domenica 24 luglio. Secondo la nota pervenuta a Fides, Il Vescovo ha esortato le autorità ad agire rapidamente contro i crimini commessi di recente contro le donne e contro i giornalisti.
Alla domanda sul giornalista ucciso il 21 luglio a Veracruz, Mons. Patiño Leal ha chiesto di svolgere una indagine seria e affidabile su quanto successo, soprattutto perché si suppone che il giornalista fosse sotto protezione. "Sembra che il protocollo con i giornalisti non funzioni o semplicemente c’è qualcosa che non va. Se ci fosse qualche responsabilità per omissione o negligenza, chiediamo che si sappia la verità fino in fondo" ha detto il Vescovo. Quindi ha aggiunto che sia il giornalista che la sua famiglia sono stati ricordati nelle preghiere che ha offerto a Dio per tutte le vittime della violenza.
Ieri, 25 luglio, l'Instituto Nacional de Estadística y Geografía (Inegi) del Messico, ha pubblicato il suo rapporto annuale segnalando le zone del paese dove si registra il maggior numero di omicidi. Guerrero è al primo posto, con 67 omicidi per ogni 100 mila abitanti, registrati nel 2015, seguono Chihuahua con 42 casi e Sinaloa con 36. L'istituto registra che lo scorso anno ci sono stati 20.525 omicidi in tutta la nazione, quindi un tasso di 17 omicidi ogni 100.000 abitanti a livello nazionale, un tasso simile a quello registrato nel 2014.
(CE) (Agenzia Fides, 26/07/2016)


Condividi: Facebook Twitter Google Blogger Altri Social Network