ASIA/IRAQ - I Vescovi caldei: i cristiani siano coinvolti nel nuovo governo

martedì, 5 aprile 2016 settarismi  

Erbil (Agenzia Fides) - La richiesta di includere anche politici cristiani nella compagine governativa, l'invito ai fedeli a non lasciarsi convincere da chi promuove la loro fuga dall'Iraq, e una netta affermazione di sostegno verso tutte le compagini militari nazionali impegnate nella lotta contro i jihadisti dell'autoproclamato Califfato Islamico: sono questi alcuni dei punti emersi dalla riunione tenuta dai Vescovi caldei nella mattinata di oggi, sotto la presidenza del Patriarca Louis Raphael I, per valutare gli sviluppi della situazione in territorio iracheno e in tutto il Medio Oriente. L'incontro si è tenuto a Ankawa, sobborgo di Erbil dove sono concentrate le comunità cristiane della capitale del Kurdistan iracheno. Nel comuicato finale, inviato all'Agenzia Fides, i Vescovi caldei presenti in Iraq esprimono il proprio “orgoglio” per le vittorie e i successi ottenuti nella lotta alla “Organizzazione terroristica” dello Stato islamico dall'esercito iracheno in collaborazione con le milizie curde Peshmerga, le forze di auto-difesa e le tribù sunnite. I Vescovi caldei esprimono anche l'augurio che si arrivi presto alla liberazione di Mosul e della Piana di Ninive. Inoltre, si appellano alle “sagge autorità islamiche” per contribuire insieme alla stabilizzazione e alla sicurezza della Nazione, promuovendo “i diritti umani” e mettendo da parte “privilegi e interessi personali, partigiani e settari, nella consapevolezza che la riconciliazione nazionale si può ottenere solo attraverso una reale partnership politica, “lontano da ogni favoritismo e dal sistema delle quote di potere da spartirsi su base settaria”. (GV) (Agenzia Fides 5/4/2016).


Condividi: Facebook Twitter Google Blogger Altri Social Network