ASIA/LIBANO - I Vescovi maroniti: “passo ecumenico e profetico” l'abbraccio tra Papa Francesco e il Patriarca Kirill

giovedì, 3 marzo 2016 ecumenismo  

Bkerkè (Agenzia Fides) - L'abbraccio avvenuto a Cuba lo scorso 12 febbraio tra Papa Francesco e il Patriarca di Mosca Kirill, insieme alla Dichiarazione congiunta da loro firmata, rappresentano “un passo ecumenico e profetico” che i due Vescovi hanno compiuto “spinti da un senso di responsabilità comune”. Lo sottolineano i Vescovi della Chiesa maronita, nel comunicato diffuso alla fine della loro assemblea mensile, svoltasi mercoledì 2 marzo presse la sede patriarcale di Bkerkè, sotto la guida del Patriarca Bechara Boutros Rai. Nel comunicato, pervenuto all'Agenzia Fides, i Vescovi maroniti ringraziano Papa Francesco per la sollecitudine mostrata dal Vescovo di Roma riguardo alla presenza dei cristiani in Medio Oriente, e alla difesa della “comune civiltà costruita da cristiani e musulmani nell'area mediorientale”.
Durante i lavori dell'assemblea mensile - a cui ha preso parte anche il Card. Luis Antonio Tagle in qualità di Presidente di Caritas internazionalis – i Vescovi maroniti hanno anche espresso preoccupazione per la recente riemersione in Libano delle polarizzazioni settarie connesse al conflitto regionale tra sciiti e sunniti, e hanno rivolto un appello vigoroso a mantenere le forze armate al di fuori delle tensioni di ordine politico e religioso.
Riguardo alla paralisi istituzionale che dal maggio 2014 impedisce l'elezione di un nuovo Presidente, il sinodo maronita ha di nuovo lanciato l'allarme sul rischio di un "crollo”dell'intero sistema libanese, richiamando i blocchi politici e parlamentari ad assumersi le proprie responsabilità nazionali, senza sottomettere il destino del Libano “agli interessi stranieri”. Nel comunicato, i Vescovi maroniti hanno anche deplorato la campagna diffamatoria scatenata contro presunte “ambiguità amministrative” della passata gestione di Caritas Libano, ribadendo che il "servizio amorevole” svolto dalla Caritas nel paese dei Cedri “è più forte di tutti i tentativi di diffamarlo agli occhi dell'opinione pubblica". (GV) (Agenzia Fides 3/3/2016).


Condividi: Facebook Twitter Google Blogger Altri Social Network