ASIA/BANGLADESH - Alta tensione per le minoranze e vita blindata per i missionari

mercoledì, 24 febbraio 2016 minoranze religiose   terrorismo   islam   istituti missionari  

Dacca (Agenzia Fides) – Resta alta la tensione in Banglasdesh, e la necessaria sorveglianza sulla vita dei missionari “sta provocando alcune conseguenze anche sull’esercizio del ministero”, afferma una nota del Pontificio Istituto Missioni Estere, pervenuta all’Agenzia Fides.
A poco più di tre mesi dall’attentato a padre Piero Parolari, che sta riprendendo una vita normale, l’uccisione di un sacerdote indù avvenuta il 21 febbraio nel Nordovest del paese, ha riportato allarme e preoccupazione. L’attentato è stato rivendicato da una fonte che si definisce “dell’Isis” , ma la cui autenticità non è sicura. L’aggressività del fondamentalismo islamico si è riaccesa nel Nordovest del paese. Negli ultimi mesi l’area è stata teatro di tre assalti armati a templi indù, profanazioni di statue e simboli religiosi.
La polizia segue e accompagna i missionari cristiani nei loro spostamenti e a volte sconsiglia loro di muoversi. “Se le restrizioni continuano e ancor più aumentano, occorrerà forse, con rammarico, ripensare alla nostra dislocazione” commenta un missionario locale.
Meno preoccupante, invece, secondo il Pime, la situazione per chi sta a Dacca e dintorni. Anche se la polizia ha scoperto a Mirpur, vasto quartiere nella parte nord ovest della capitale, un covo di fondamentalisti forniti di molte armi, che stavano organizzando assalti ad alcune chiese del quartiere. In generale, il clima sociale nel Paese rimane “segnato da preoccupazione” e “soprattutto le minoranze si sentono e sono sotto tiro”, nota il Pime, affermando che “il governo, da un lato tenta di reprimere e proteggere, dall’altro minimizza”.
Quella in Bangladesh è una delle missioni più antiche del Pontificio Istituto Missioni Estere (Pime), che giunse nel subcontinente indiano nel 1855. Oggi il PIME ha 29 missionari nel paese, presenti in tre diocesi: Dacca, Dinajpur e Rajshashi. I missionari sono impegnati a livello pastorale nelle parrocchie e in opere educative e sociali come scuole, dispensari, ospedali. (PA) (Agenzia Fides 24/2/2016)


Condividi: Facebook Twitter Google Blogger Altri Social Network