AMERICA/STATI UNITI - Emigrati divisi dalla frontiera, anche per la Messa del Papa

martedì, 16 febbraio 2016 rifugiati   politica   persecuzioni  
Centinaia di famiglie nella zona di frontiera tra Messico e Stati Uniti

Centinaia di famiglie nella zona di frontiera tra Messico e Stati Uniti

El Paso (Agenzia Fides) – Lunedì 15 febbraio verso le ore 11 locali, centinaia di famiglie e di residenti nella zona di frontiera tra Messico e Stati Uniti si sono riunite su entrambi i lati della recinzione di confine Anapra/Sunland Park, nell’impossibilità di potersi recare domani, 17 febbraio, a Ciudad Juarez, per partecipare alla visita di Papa Francesco. "E' stata un'occasione importante per le famiglie immigrate centroamericane che non possono andare a Ciudad Juarez, in Messico, per esprimere i loro sentimenti e le lotte che affrontano per poter vivere negli Stati Uniti in un momento in cui prevalgono politiche e pratiche xenofobe" si legge nel comunicato inviato a Fides dalla Rete di Frontiera per i Diritti Umani.
Davanti alla rete che divide i due paesi, sono state condivise diverse testimonianze sulle attuali norme che influenzano la vita di milioni di residenti nella regione di confine USA/Messico.
"L'evento storico e unico della visita del Papa nella nostra regione – continua il comunicato - verrà utilizzato per mettere in evidenza le questioni che interessano le famiglie immigrate negli Stati Uniti, come la separazione familiare, i processi ai rifugiati e richiedenti asilo, gli abusi delle autorità, le morti dei migranti, ecc. Inoltre si parlerà della crescente militarizzazione delle frontiere, del razzismo e della criminalizzazione degli immigrati”.
Secondo il programma della visita, Papa Francesco passerà vicino al confine segnato dalla rete metallica, e si avvicinerà per salutare chi è dall’altra parte. Alle ore 16 celebrerà la Messa nell`area fieristica di Ciudad Juarez: il palco si trova a 80 metri dalla frontiera, e si prevede che dal lato statunitense ci saranno decine di migliaia di persone a El Paso, mentre sul lato messicano si attendono fino a 200mila persone. (CE) (Agenzia Fides, 16/02/2016)


Condividi: Facebook Twitter Google Blogger Altri Social Network