AFRICA/MAROCCO - Duecentocinquanta studiosi islamici firmano la Dichiarazione di Marrakech che chiede la libertà religiosa per tutti

giovedì, 28 gennaio 2016 islam  

Rabat (Agenzia Fides) - Un appello per sviluppare una giurisprudenza islamica sul concetto di cittadinanza, che sia inclusiva di tutti i gruppi, è stato firmato il 27 gennaio da 250 eminenti studiosi islamici riuniti a Marrakech, su invito del Ministero della Promozione e degli Affari Islamici del Regno del Marocco e del Forum per la Promozione della Pace nelle società islamiche, con sede negli Emirati Arabi Uniti.
Secondo un comunicato inviato all’Agenzia Fides, la Dichiarazione di Marrakech riprende la Carta di Medina, della quale quest’anno ricorrono i 1.400 anni della stipulazione, “un contratto costituzionale tra il Profeta Muhammad e il popolo di Medina che garantiva la libertà religiosa per tutti, indipendentemente dalla fede”.
Oltre a chiedere agli studiosi e agli intellettuali islamici di sviluppare il concetto di cittadinanza nella giurisprudenza islamica, si lancia un appello alle istituzioni educative per “una coraggiosa revisione dei programmi educativi, per eliminare ogni argomento che istiga all’aggressione e all’estremismo, portando alla guerra e al caos”; e ai politici perché “stabiliscano un contratto costituzionale tra i cittadini”.
Si chiede infine ai diversi gruppi religiosi di ricordarsi che per secoli hanno condiviso la stessa terra, vivendo insieme, e di respingere ogni forma di denigrazione dell’altro.
La Dichiarazione di Marrakech conclude affermando che è “inconcepibile usare la religione per colpire i diritti delle minoranze religiose in paesi musulmani”.
All’incontro di Marrakech erano presenti cinquanta leader di altre religioni che hanno espresso il loro ringraziamento per la Dichiarazione. (L.M.) (Agenzia Fides 28/1/2016).


Condividi: Facebook Twitter Google Blogger Altri Social Network