ASIA/ISRAELE - Gli ebrei del gruppo Mehir Tag rendono omaggio al cimitero profanato di Beit Jamal

mercoledì, 27 gennaio 2016 settarismi  

lpj.org

Gerusalemme (Agenzia Fides) - Un gruppo di più di sessanta ebrei ha voluto esprimere la sua condanna e il suo sgomento per la profanazione del cimitero salesiano di Beit Jamal recandosi in visita collettiva presso l'area cimiteriale offesa lo scorso dicembre da gravi atti di vandalismo settario. La visita del guppo di ebrei - riferiscono le fonti ufficialie del Patriarcato latino di Gerusalemme – è avvenuta venerdì 22 gennaio. I visitatori hanno manifestato ai salesiani, proprietari del cimitero, la propria solidarietà, e poi hanno voluto piantare un ulivo presso l’ingresso della casa religiosa.
Gli artefici di questa iniziativa di solidarietà appartengono all'organizzazione Tag Mehir (“Distintivo Luminoso”), fondata nel 2011 con l'intenzione di contrastare tutte le forme e le espressioni di razzismo in Israele. Già nel nome, l'organizzazione intende sottolineare il proprio porsi in totale contrasto con gli atti di violenza e intimidazione compiuti dai gruppi di coloni ultranazionalisti a partire dal 2012, che hanno colpito in vari modi moschee o luoghi cristiani (Tabgha, Beit Jamal, Latrun, la Dormizione, ecc.), “firmando” i propri atti intimidatori con la sigla “Price to tag” (il prezzo da pagare).
Il cimitero adiacente al monastero salesiano di Beit Jamal, nella città israeliana di Beit Shemesh, a ovest di Gerusalemme, era stato profanato a metà dicembre. L'episodio di vandalismo sacrilego si era accanito contro le croci di legno e di cemento poste su molte tombe, ma era stato reso noto dal Patriarcato Latino di Gerusalemme soltanto a gennaio. La polizia locale ha aperto un'inchiesta contro ignoti, che finora non ha avuto alcun esito. (GV) (Agenzia Fides 27/1/2016)


Condividi: Facebook Twitter Google Blogger Altri Social Network