AMERICA/CUBA - Reclusione non è lo stesso di esclusione, Mons. Serpa e i carcerati a Cuba

martedì, 12 gennaio 2016 chiese locali   evangelizzazione   politica  
i carcerati a Cuba

Internet

i carcerati a Cuba

L’Avana (Agenzia Fides) – Il Vescovo della diocesi cubana di Pinar del Río, Sua Ecc. Mons. Jorge Serpa, ha affermato che a Cuba ci sono dei prigionieri politici, e si tratta di persone con lunghe condanne per le quali ha chiesto una revisione dei loro casi. La rivista "Palabra Nueva", dell'arcidiocesi de L'Avana, ha pubblicato ieri, 11 gennaio, un'intervista a Mons. Serpa, che è il responsabile della Commissione di Pastorale Penitenziaria della Chiesa cattolica cubana, in cui il Presule ribadisce che a Cuba c'è una grande popolazione carceraria ed il paese è tra i primi dieci al mondo per il maggior numero di detenuti.
"Io personalmente incontro un gruppo di trenta persone, di cui solo tre sono battezzate" ha detto il Vescovo, sottolineando di aver chiesto innumerevoli volte alle autorità penali di fargli raggiungere altri gruppi e di "parlare direttamente con i prigionieri e vedere cosa succede".
Nell'intervista pervenuta a Fides, Mons. Serpa, oltre ad evidenziare che a Cuba ci sono molti casi di furti e di corruzione, offre la sua testimonianza concreta, raccontando delle sue visite in carcere, sia a singoli detenuti che a gruppi. In questo secondo tipo di incontri, che i prigionieri e il personale amministrativo chiamano impropriamente "messa" anche se non si tratta della celebrazione eucaristica, una volta al mese il Vescovo parla su diversi argomenti.
Alla domanda conclusiva su come la Chiesa pensi di celebrare l'Anno della Misericordia con i carcerati, Mons. Serpa risponde: "La Chiesa ha sempre sostenuto la libertà dei suoi figli, ovunque si trovino. Come ha detto Papa Francesco durante la sua visita alla prigione di Palmasola, in Bolivia, nel luglio del 2015: ‘Gesù vuole risollevarci sempre. E questa certezza ci spinge a lavorare per la nostra dignità. La reclusione non è lo stesso di esclusione’.”
(CE) (Agenzia Fides, 12/01/2016)


Condividi: Facebook Twitter Google Blogger Altri Social Network