EUROPA/SPAGNA - I minerali, causa di conflitti nel mondo: le Ong chiedono “una legge forte” all’UE

mercoledì, 13 maggio 2015

Madrid (Agenzia Fides) – Più di 40 organizzazioni della società civile, tra cui la ong dei Gesuiti Alboan, hanno firmato una dichiarazione indirizzata all'Unione Europea (UE) criticando "l’impatto minimo e insufficiente” della proposta di legge europea sull’estrazione ed il commercio dei minerali provenienti dalle zone di conflitto, che non ritengono indirizzata a favorire un commercio "responsabile". Come segnalano queste organizzazioni, tale legge “raccomanda ma non esige” quindi "non garantirà la cessazione degli scambi di minerali che finanziano i gruppi armati in quei paesi".
Tale progetto di legge regolamenta l'estrazione, la fornitura e la commercializzazione di quattro minerali (stagno, tantalio, tungsteno e oro) da parte delle imprese europee. Tuttavia non obbliga le aziende a comunicare all'UE le loro catene di estrazione e distribuzione, lasciando la libertà di farlo volontariamente. Le ong ritengono che la Commissione dell’UE abbia perso l'opportunità di "fare una legge forte, che imponga alle imprese e non solo consigli, un maggiore controllo sulla fornitura dei minerali".
Nella nota inviata a Fides si ricorda che, secondo l'Onu, il 40% dei conflitti degli ultimi 60 anni è stato in qualche modo legato all'accesso alle risorse minerarie. Inoltre, insieme ai conflitti, arrivano le inevitabili violazioni dei diritti umani e l’aumento della povertà. Di fronte a questa situazione, molte organizzazioni legate alla Chiesa, insieme a diversi gruppi della società civile, si sono attivate promuovendo una petizione da presentare entro il 18 maggio 2015 al Parlamento Europeo. Quel giorno infatti l'assemblea di Strasburgo si riunirà in sede plenaria per votare la normativa già discussa nei mesi scorsi, ritenuta però deficitaria e inefficace. (CE) (Agenzia Fides, 13/05/2015)


Condividi: Facebook Twitter Google Blogger Altri Social Network