VATICANO - Il Card. Filoni nel Santuario di La Vang affida alla Vergine il cammino dell’evangelizzazione

venerdì, 23 gennaio 2015

La Vang (Agenzia Fides) – “Come pellegrino - anche per conto della nostra Congregazione missionaria - chiedo a Maria la Sua protezione per l’opera di evangelizzazione nel mondo: Ella che generò Gesù, il Vangelo vivente, la Parola di Dio, e che accompagnò la Chiesa dal giorno della Pentecoste, sia ancora madre per tanti figli della Chiesa, in particolare nel Continente Asiatico. Per questo motivo, oggi porto in dono tre rose d’argento, a perenne ricordo di questa richiesta”. Sono le parole dell’atto solenne pronunciato dal Card. Fernando Filoni, Prefetto della Congregazione per l’Evangelizzazione dei Popoli, durante la Messa che ha presieduto nel pomeriggio del 22 gennaio, nel Santuario mariano nazionale di Lavang, nuova tappa della sua visita pastorale in Vietnam (vedi Fides 19/1/2015).
Cuore pulsante della fede e della spiritualità mariana in Vietnam, il Santuario di La Vang, a circa 60 km da Hue, è legato alle apparizioni della Vergine Maria nella foresta vicino a Quang Tri, ad un gruppo di cattolici vietnamiti in fuga dalle persecuzioni, che vi si erano rifugiati. La prima apparizione avvenne nel 1798, cui ne seguirono molte altre. Nel 1886, terminate le persecuzioni, sul luogo sorse una modesta chiesetta di legno, che divenne luogo di intensi pellegrinaggi. Bruciata successivamente dai persecutori, la chiesa venne sostituita da una costruzione in muratura inaugurata nel 1901 quando Nostra Signora di La Vang venne proclamata “Patrona dei cattolici vietnamiti”. Per contenere il flusso sempre crescente dei devoti, furono costruite in seguito parecchie cappelle e molte opere. Ma le varie costruzioni di La Vang vennero abbattute completamente nel 1972, durante la guerra fra il Nord e il Sud. Solo dopo la riunificazione del paese (30 aprile 1975), i Vescovi di tutto il Vietnam, radunati ad Hanoi il 1° maggio 1980, rinnovarono solennemente il riconoscimento di La Vang come “Centro Mariano Nazionale”. Oggi il Santuario mariano è uno dei più noti e frequentati non solo del Vietnam, ma di tutto il continente asiatico.
Nella sua omelia, il Prefetto del Dicastero Missionario ha invitato i presenti a riandare ai piedi della Croce, al duplice affidamento fatto da Gesù. “Questo significa che Gesù ha fatto dono di Maria a noi – ha sottolineato -. Non se l’è portata via. Ecco perché, nel corso di duemila anni, spesso Maria è apparsa tra noi… Voi sapete la bella storia dei primi cristiani perseguitati che trovarono rifugio, incoraggiamento e protezione in questo luogo. Vuol dire che Maria abita qui e con giusta decisione i vostri Vescovi hanno proclamato questo luogo Santuario Nazionale Mariano”.
Il Card. Filoni ha quindi concluso invitando a ringraziare Maria per il suo “dono”, di essere presente in questo luogo: “è oggi con noi, e a Lei rinnovo, insieme con voi, l’Atto di affidamento per l’Evangelizzazione di questa terra e di tutto il Continente Asiatico”. (SL) (Agenzia Fides 23/1/2015)


Condividi: Facebook Twitter Google Blogger Altri Social Network