http://www.fides.org

News

2014-04-01

ASIA/SIRIA - Viene da Qamishli il nuovo Patriarca siro ortodosso

Qamishli (Agenzia Fides) – La città siriana di Qamishli, nella provincia nord-orientale di Jazira, è il luogo natale di Mar Cyril Afrem Karim, eletto lunedi 31 marzo nuovo Patriarca siro ortodosso di Antiochia e di tutto l'Oriente. La notizia della sua elezione (avvenuta in Libano) è stata accolta con festeggiamenti e scoppi di petardi nella sua città siriana natale, a maggioranza curda.
Il nuovo Patriarca, successore di Mar Ignatius Zakka I Iwas (scomparso lo scorso 21 marzo). è nato nel 1965 ed è rimasto in Siria fino a 12 anni per poi entrare nel Seminario teologico di sant'Efrem, in Libano. Cyril Afrem è tornato in Siria dal 1982 al 1984, servendo la diocesi siro ortodossa di Aleppo, per poi ultimare gli studi in Egitto, presso il Seminario teologico copto del Cairo. Divenuto monaco e poi sacerdote nel 1988, fino al 1992 ha trascorso un nuovo periodo in Siria, a Damasco, come segretario del Patriarca Zakka I Iwas. Poi, nel 1996, è stato ordinato Metropolita per l'Arcidiocesi siro-ortodossa degli Stati Uniti orientali.
Da Patriarca, Mor Cyril Afrem è chiamato a farsi carico della difficile condizione vissuta dalle comunità cristiane sire in Siria. Il Vescovo siro ortodosso di Aleppo, Mar Gregorios Yohanna Ibrahim, è stato rapito il 22 aprile dello scorso anno insieme al Metropolita greco ortodosso Boulos al-Yazigi. Lo scorso 4 agosto, Il Sinodo siro ortodosso guidato dal Patriarca Mar Ignatius Zakka I Iwas aveva emesso un comunicato per ribadire che la Sede del Patriarcato di Antiochia dei siro-ortodossi sarebbe rimasta a Damasco, e non vi era “alcuna intenzione di spostarla in un altro luogo”. In questo modo erano state smentite le illazioni che parlavano di un possibile trasferimento della Sede patriarcale in Turchia come effetto obbligato della tragica situazione di guerra civile che da tre anni dilania la Siria. (GV) (Agenzia Fides 1/4/2014).

Condividi: Facebook Twitter Google Blogger Altri Social Network