http://www.fides.org

News

2013-11-11

EUROPA/ITALIA - “Prima le mamme e i bambini”: raddoppiare in cinque anni il numero dei parti assistiti

Milano (Agenzia Fides) - “Prima le mamme e i bambini” è la parola d’ordine di un intervento portato avanti dall’ong Medici con l’Africa Cuamm per la salute e la vita di mamme e bambini che coinvolge 4 ospedali, 22 centri di salute periferici e che si rivolge a una popolazione di 1.300.000 abitanti. L’obiettivo è raddoppiare in cinque anni il numero dei parti assistiti, arrivando progressivamente a 125 mila parti negli ospedali e nei distretti di riferimento di Chiulo in Angola, Wolisso in Etiopia, Aber in Uganda e Tosamaganga in Tanzania. Ad ora, sono 42.359 i parti assicurati e gratuiti, di cui 3.180 cesarei, nei 4 ospedali e nei distretti di riferimento per un totale di 84.718 mamme assistite insieme ai loro bambini. A due anni dall’avvio del progetto, il 16 novembre 2013, a Milano, nell’Aula Magna dell’Università Cattolica del Sacro Cuore, si terrà un appuntamento dove parleranno i protagonisti concreti dell’impegno di Medici con l’Africa Cuamm per la salute e la vita di mamme e bambini. Protagoniste principali le donne, a ribadire la centralità della figura femminile, soprattutto in Africa. Istituzioni, Agenzie internazionali, Fondazioni, volontari sul campo e società civile si confronteranno sulla parte che ciascuno può giocare in un percorso di impegno comune. Si tratta di una sfida strategica per continuare a combattere la mortalità materna e infantile, tra i grandi Obiettivi del Millennio stabiliti dalle Nazioni Unite. Un progetto ambizioso che ha raccolto un vasto consenso e un forte incoraggiamento da parte di molte istituzioni africane, Chiesa Cattolica, Governo italiano, agenzie sanitarie internazionali, enti locali e professionali, società civile. In questa occasione verranno presentati i dati del secondo anno di attività, ma saranno messe al centro soprattutto le storie e i protagonisti, le voci e i volti di chi ogni giorno opera sul campo. Resta molto da fare, ma con un incremento di quasi il 10% rispetto al primo anno, il traguardo dei 125.000 è più vicino. (AP) (11/11/2013 Agenzia Fides)
Informazioni
ufficiostampa@cuamm.org,
l.previato@cuamm.org

Condividi: Facebook Twitter Google Blogger Altri Social Network