http://www.fides.org

News

2013-10-16

AMERICA/PANAMA - La Chiesa pronta a mediare tra governo e medici in sciopero

Città di Panama (Agenzia Fides) – Il Presidente del Panama, Ricardo Martinelli, ha ringraziato pubblicamente l’Arcivescovo di Panama, Sua Ecc. Mons. José Domingo Ulloa, perché la Chiesa cattolica ha accettato di partecipare come mediatrice nella disputa tra governo e medici, in sciopero da qualche settimana (vedi Fides 10/10/2013), e con le altre associazioni per la salute. Motivo della protesta è la legge 69, che autorizza l'assunzione di medici stranieri soprattutto per le zone più interne della nazione, e che, secondo gli scioperanti, avvierà una graduale privatizzazione del sistema sanitario.
“La legge 69 mira ad accelerare un processo che deve risolvere l'urgente bisogno di nominare specialisti necessari nelle zone più interne della Repubblica" ha detto il Presidente Martinelli. "Si tratta di una legge per aiutare le persone, non contro i medici panamensi. Pertanto, come espressione di un governo che non ha mai chiuso la porta al dialogo, il Ministro della Sanità ha sempre mantenuto la comunicazione con i sindacati dei medici per integrare le loro osservazioni sul progetto. La prova di questo è data dal fatto che delle loro 14 osservazioni, 11 sono state incluse nel progetto" ha detto il Presidente alla stampa locale.
Mons. José Domingo Ulloa Mendieta ha improvvisato una conferenza stampa (il cui video è stato inviato all’Agenzia Fides) durante la quale ha confermato l'intervento della Chiesa per un primo contatto fra le parti. “Siamo in un momento critico – ha sottolineato l’Arcivescovo -, dove non dobbiamo cercare chi ha la colpa di cosa, ma cambiare atteggiamento ed essere capaci di dialogare. Dobbiamo, ancora una volta, fidarci degli altri, poiché si è persa la credibilità fra noi, e con gli altri. Ma tutto questo deve cambiare". Dalle ultime informazioni si apprende che gran parte dei medici è tornata al lavoro, ma la situazione rimane critica e, in qualche centro sanitario, molto tesa. (CE) (Agenzia Fides, 16/10/2013)

Condividi: Facebook Twitter Google Blogger Altri Social Network