ASIA/TAIWAN - “Evangelizzare tutti i popoli perché diventino discepoli”: il Direttore nazionale delle POM di Taiwan per la Giornata Missionaria

venerdì, 19 ottobre 2012

Tai Pei (Agenzia Fides) – “Evangelizzare tutti i popoli perché diventino discepoli” è il titolo della lettera di p. Felice Chech, MI, Direttore nazionale delle Pontificie Opere Missionarie (POM) di Taiwan, indirizzata a tutti i fedeli, in vista della Giornata Missionaria Mondiale dell’Anno della Fede, che si celebrerà il 21 ottobre. Nel testo pubblicato dal Catholic Weekly, settimanale dell’arcidiocesi di Tai Pei, p. Chech sottolinea e spiega le parole del Messaggio del Pontefice: “La celebrazione della Giornata Missionaria Mondiale si carica quest’anno di un significato tutto particolare”… “l’Anno della Fede è un’opportunità di riaccendere la fiamma. Non dobbiamo dimenticare che gli Apostoli hanno abbandonato tutto per seguire il Signore per la fede; sono andati in ogni angolo della terra per seguire la raccomandazione di evangelizzare tutte le creature. Nella celebrazione della Giornata Missionaria dell’Anno della Fede, ognuno di noi, in questo grande mosaico della Chiesa, deve sentire questo mandato missionario del Signore portando il nome di Cristo in tutto il mondo. Dio vuole che tutti Lo conoscano e condividano il suo Amore”.
In occasione del mese missionario, le POM di Taiwan hanno organizzato una Veglia di preghiera per l’Evangelizzazione nei cinque continenti che si è svolta il 3 ottobre all’Università Cattolica di Fu Ren a Tai Pei e il 13 ottobre nella diocesi di Tai Dong, mentre il 25 ottobre sarà ospitata nella Parrocchia della Santissima Trinità a Tai Pei. Nel manifesto preparato per la GMM, si cita la Lettera Apostolica Porta fidei: “oggi come allora, ci invia per le strade del mondo per proclamare il suo Vangelo a tutti i popoli della terra” (7), invitando tutti a pregare e offrire il loro contributo per le diocesi missionarie più povere. (NZ) (Agenzia Fides 2012/10/19)


Condividi: Facebook Twitter Google Blogger Altri Social Network