http://www.fides.org

Asia

2011-10-03

ASIA/IRAN - Cristiani iraniani minacciati e respinti da altri stati dove fuggono

Teheran (Agenzia Fides) – Mentre il mondo resta col fiato sospeso in attesa della risoluzione del caso del Pastore cristiano iraniano Yousef Nadarkhani – condannato a morte per apostasia – i fedeli iraniani sono costretti a fuggire dal paese per potere professare liberamente la loro religione e sono comunque sotto pressione.
Come riferito all’Agenzia Fides dall’Ong “Christian Solidarity Worldwide”, che monitora i diritti dei cristiani nel mondo, undici cristiani iraniani fuggiti dall'Iran, a causa delle persecuzioni contro le comunità cristiane evangeliche, hanno ricevuto minacce di morte via e-mail. I mittenti del messaggio, firmatisi come i “Militi ignoti dell'Imam Nascosto” chiedono loro di pentirsi, altrimenti “saranno eliminati senza pietà”. Secondo fonti di Fides, i “Militi ignoti” sono accusati di aver legami con i servizi segreti iraniani. Secondo il rev. Samuel Yeghnazar, che ha partecipato al movimento chiesa domestica in Iran, “la minaccia va presa molto sul serio”.
Intanto a Rashat, il tribunale locale – cui la Corte suprema ha rinviato il caso – deve pronunciare un verdetto sul caso del Pastore Nadarkhani. Secondo alcune fonti cristiane in Iran, il destino del Pastore si trova nelle mani del leader religioso locale, l'Ayatollah Ghorbani. I cristiani temono che al Pastore possano essere imputate false accuse (come stupro e o complotto contro l’ordine costituito) per giustificare una definitiva sentenza di morte.
Negli ultimi undici mesi almeno 137 cristiani hanno subito arresti arbitrari circa 40 sono stati tenuti in carcere per diverse settimane. Le minacce alla vita dei cristiani in Iran, dice il Pastore Yeghnazar, manifestano “la assoluta ipocrisia di un governo che sostiene di dare ai fedeli la piena libertà religiosa”.
Inoltre, secondo CSW “è vitale che i paesi che ospitano rifugiati e richiedenti asilo iraniani garantiscano loro un'adeguata protezione”, Infatti in Australia i cristiani iraniani richiedenti asilo sono stati etichettati come “facinorosi” dai funzionari dell'immigrazione, che hanno negato il visto di ingresso. Il numero di iraniani richiedenti asilo in Australia è stato di 197 nel 2009-2010 e di 1.549 nel 2011. I visti concessi sono stati solo il 27% delle domande. (PA) (Agenzia Fides 3/10/2011)

Condividi: Facebook Twitter Google Blogger Altri Social Network