OCEANIA/AUSTRALIA - Una nuova scuola destinata ai ragazzi aborigeni con problemi o che hanno abbandonato gli studi

venerdì, 6 maggio 2011

Sydney (Agenzia Fides) – A distanza di 60 anni, i Gesuiti apriranno presto una nuova scuola a Redfern, alla periferia di Sydney. Sarà una scuola che va al cuore dello scopo educativo della Compagnia di Gesù, cioè uguaglianza e opportunità per tutti. La scuola, che probabilmente assumerà il nome di “Jarjum College”, sarà destinata agli studenti aborigeni, in particolare a quelli che hanno abbandonato la scuola oppure la frequentano in modo irregolare per varie ragione di disadattamento sociale. Secondo le informazioni inviate all’Agenzia Fides dalla Curia generalizia dei Gesuiti, la scuola darà agli studenti la possibilità di recuperare gli anni perduti e quindi avere migliori opportunità per il futuro. La scuola è stata promossa dal St. Aloysius' College di Milsons Point, ma presto sarà autonoma e indipendente. La preside, la signora Beatrice Sheen, dice di essere emozionata e onorata per essere stata coinvolta in questo progetto che può cambiare la vita dei ragazzi, ma è anche convinta che il successo di una scuola dipende in gran parte dall'appoggio che riceve dalla popolazione di cui è al servizio. " Questa scuola - afferma - appartiene alla comunità, al popolo, ed è in questo modo che desidero farla funzionare". Il Jarjum College offrirà assistenza a breve termine ai ragazzi a rischio, inserendoli poi di nuovo, per quanto è possibile, nel filone principale del sistema scolastico. Ma Beatrice Sheen sostiene che una volta identificati i bisogni della comunità, il modello potrebbe cambiare. (SL) (Agenzia Fides 06/05/2011)


Condividi: Facebook Twitter Google Blogger Altri Social Network