OCEANIA/PAPUA NUOVA GUINEA - Oltre 1.500 giovani della Papua radunati per seguire i passi di Gesù, nello spirito della Giornata Mondiale della Gioventù

giovedì, 22 settembre 2005

Port Moresby (Agenzia Fides) - Oltre 1500 giovani in festa hanno rinnovato il loro impegno a camminare seguendo le orme di Cristo, in un festival giovanile che, ricordando la Giornata Mondiale della Gioventù, si è svolto giorni fa nella capitale Port Moresby, presso la don Bosco Techichal School. L’incontro, organizzato dai religiosi Salesiani in occasione della visita del Rettore Maggiore, P. Pascual Chavez, e intitolato “Ricordiamo…celebriamo…ci impegniamo”, è stato un importante momento di formazione e preghiera per i giovani cattolici dell’intera nazione.
La giornata è cominciata con una Celebrazione Eucaristica in cui sono state ricordate le parole di Papa Benedetto XVI alla Gmg di Colonia e i giovani hanno manifestato la loro volontà di “vivere in pienezza la propria vocazione e missione”. Il festival è proseguito con momenti di confronto, giochi, canto, danze.
E’ stata ricordata ai giovani anche la figura di don Stefano Savio, molto conosciuto e amato dai giovani dell’Oceania, grazie alle missioni Salesiane. Nel suo intervento il Rettore ha ricordato che, “sull’esempio di don Bosco, per educare occorre farsi umili, semplici, poveri, dando priorità agli altri, aiutando chi è nel bisogno”, e ha poi invitato i giovani a condividere esperienze positive, collaborare con gli altri, ascoltare, pregare.
Secondo i sacerdoti e gli educatori presenti, i giovani rappresentano sempre un campo di evangelizzazione privilegiato e costituiscono un banco di prova per verificare l’efficacia della pastorale.
La Papua Nuova Guinea è una nazione in cui la piaga della violenza giovanile affligge la società e crea preoccupazioni a esperti, formatori, autorità civili, leader religiosi. I Salesiani festeggiano in questi giorni il 25° anniversario della loro presenza nel paese, dove gestiscono scuole di formazione tecnico-professionali, oratori, attività specifiche per i giovani, salvando numerosi ragazzi altrimenti destinati a una vita di randagismo o a essere sfruttati da organizzazioni criminali.
La Chiesa in Papua Nuova Guinea opera con diverse attività di pastorale giovanile, soprattutto nel campo dell’istruzione. Le Chiese cristiane oggi gestiscono il 70% delle strutture educative nel paese.
(PA) (Agenzia Fides 22/09/2005 Righe: 27 Parole: 278)


Condividi: Facebook Twitter Google Blogger Altri Social Network