ASIA/IRAQ - Polemiche sulla rappresentanza politica dei cristiani e sul futuro della Piana di Ninive

venerdì, 5 maggio 2017 chiese orientali  

SaintAdday.com

Baghdad (Agenzia Fides) – Una delegazione di politici cristiani appartenenti a diverse formazioni politiche irachene hanno voluto incontrare i massimi rappresentanti istituzionali del Paese per sottoporre alla loro attenzione proposte e richieste relative alla ricostruzione delle aree nord-irachene liberate dal dominio dell'auto-proclamato Stato Islamico (Daesh), e riguardanti soprattutto il futuro assetto politico-amministrativo della Piana di Ninive. Mercoled 3 maggio, il gruppo di cinque politici cristiani, comprendente tra gli altri il parlamentare iracheno Yonadam Kanna (Segretario generale del Movimento democratico assiro) e Romeo Akari (presidente del Partito Bethnahrein), è stato ricevuto dal Presidente Fuad Masum e da Salim Abdullah al Jaburi, Presidente del Parlamento iracheno. Ai loro interlocutori, i politici - che si presentavano come rappresentanti della "componente cristiana" - hanno sottoposto una lista di richieste riguardanti soprattutto la messa in atto degli indirizzi politici – già approvati dal Parlamento iracheno nel 2014 – miranti a concedere maggiore autonomia amministrativa alla Provincia di Ninive, dove si concentrano i territori di tradizionale radicamento delle comunità cristiane irachene. Tra le proposte delineate dai politici cristiani c'è anche quella di richiedere e ottenere una Risoluzione internazionale che garantisca la tutela degli equilibri demografici della Piana di Ninive e l'impegno a proteggere le popolazioni di quell'area da violenze settarie.
Mentre la delegazione di politici realizzava il suo giro di consultazioni nella capitale irachena, incontrando anche il Patriarca caldeo Louis Raphael Sako, i media locali hanno rilanciato le dichiarazioni dei leader delle cosiddette “Brigate Babilonia”, gruppo para-militare che mira a presentarsi come “milizia cristiana” coinvolta nelle operazioni di guerra contro Daesh. I leader delle Brigate Babilonia hanno respinto la pretesa della delegazione composta da Kanna e dagli altri politici di presentarsi come "rappresentanti" delle comunità cristiane irachene. “In realtà” fa notare all'Agenzia Fides il Patriarca caldeo Louis Raphael “sembra iniziata la competizione a rivendicare la rappresentanza politica dei cristiani in vista delle elezioni parlamentari del 2018. E riguardo al futuro della Piana di Ninive – aggiunge il Primate della Chiesa caldea “la priorità adesso è quella di sostenere il ritorno dei profughi, la ricostruzione di città e villaggi devastati dalla guerra. Non mi sembra il momento di perdersi dietro grandi progetti, che appaiono peraltro connotati da scarso realismo, in una fase incerta, segnata anche dalla volontà di uno Stato autonomo perseguita dai curdi”. (GV) (Agenzia Fides 5/5/2017).


Condividi: Facebook Twitter Google Blogger Altri Social Network