ASIA/UZBEKISTAN - Voci non ufficiali sulla morte del Presidente Karimov. Il Patriarca Kirill lo ringrazia per aver favorito il “dialogo interreligioso”

venerdì, 2 settembre 2016 politica internazionale  

twitter

Tashkent (Agenzia Fides) – Mentre fonti diplomatiche citate dalle agenzia internazionali annunciano la morte del Presidente uzbeko Islam Karimov, colto nei giorni scorsi da emorragia cerebrale, il Patriarca di Mosca e di tutte le Russie Kirill rende noto un messaggio inviato allo stesso Karimov per ringraziarlo della “premurosa attenzione” con cui ha favorito il dialogo tra le diverse componenti religiose della Nazione uzbeka, tutelando i diritti di quelle che vengono definite “le comunità tradizionali”. In particolare, il Patriarca ringrazia il Presidente uzbeko “per la sua volontà di cooperare” con la locale diocesi della Chiesa ortodossa russa.
In Uzbekistan il 78enne Karimov ha mantenuto il potere negli ultimi 25 anni, a partire dal collasso dell'Unione Sovietica. Secondo molti analisti, la sua leadership è stata connotata da politiche repressive nei confronti degli oppositori e dei gruppi accusati di connivenze con l'estremismo di marca islamista.
Secondo una recente indagine del Pew Recearch Center, il 96,3% dei quasi 28 milioni di Uzbeki sono musulmani. Si registra nel Paese anche la permanenza di alcune migliaia di ebrei, ciò che resta di un'antica comunità in gran parte emigrata in Israele e negli Usa.(GV) (Agenzia Fides 2/9/2016).


Condividi: Facebook Twitter Google Blogger Altri Social Network