AFRICA/MADAGASCAR - Siccità e cambiamenti climatici aggravano la carestia

mercoledì, 22 giugno 2016

Internet

Antananarivo (Agenzia Fides) - Quasi un milione di bambini in Madagascar soffre di malnutrizione acuta, e nell’isola si registra uno dei più alti tassi nel mondo di arresto della crescita nei minori di cinque anni. L’attuale siccità, una delle peggiori mai viste, ha bruciato le colture di riso e manioca, lasciando l’80% della popolazione senza un approvvigionamento alimentare sicuro. Molte comunità agrarie si affidano agli aiuti alimentari e ai frutti dei cactus, che nel sud rappresentano un alimento di emergenza, ma difficile da digerire e che può causare problemi intestinali che aggravano gli effetti della malnutrizione.
Questa crisi rappresenta il principale problema sanitario per il governo, secondo il Ministero della Salute malgascio. L’insicurezza alimentare non colpisce solo singole madri e i loro bambini, secondo le informazioni pervenute a Fides. E’ un fenomeno che riguarda l’intera comunità. Il monito degli operatori umanitari è che il Madagascar sia “fuori dalla carta geografica” dimenticato dalla comunità internazionale, a meno che non si abbattano drammatici cataclisma ad attirare l’attenzione. Eppure, la siccità sta portando la gente allo stremo. Non si registrano piogge adeguate da 5 anni, una grandinata nel 2010 ha distrutto raccolti di mais, patate dolci, e angurie. Il terreno è diventato quindi meno fertile e il raccolto da allora non ha recuperato. (AP) (22/6/2016 Agenzia Fides)


Condividi: Facebook Twitter Google Blogger Altri Social Network