ASIA/TERRASANTA - Il Vescovo Shomali: “Misericordia per la Terrasanta!”

sabato, 12 marzo 2016

Patriarcato Latino di Gerusalemme

Gerusalemme (Agenzia Fides) – La Terrasanta ha bisogno di una “misericordia senza confini” che abbracci e coinvolga tutte le comunità religiose presenti: è l’appello lanciato dal Vescovo William Shomali, Vicario patriarcale di Gerusalemme, presiedendo una conferenza interreligiosa, organizzata nell’ambito dei programmi per l’Anno giubilare, in cui diversi rappresentanti religiosi hanno offerto una declinazione della “misericordia di Dio”, ognuno per il suo culto.
Come riferito a Fides dal Patriarcato di Gerusalemme, l'evento, titolato “Misericordia senza confini. Celebrare la Misericordia di Dio in Ebraismo, Cristianesimo e Islam”, è stato organizzato il 10 marzo dalla Pontificia Università Salesiana di Gerusalemme e ha visto la partecipazione, tra gli altri, del leader islamico Qadi Iyad Zahalka, giudice presso il Tribunale della Sharia di Gerusalemme, e del Rabbino David Rosen.
Il Vescovo Shomali ha citato Papa Francesco sul tema della Misericordia, ricordando che essa viene riconosciuta dalle tre religioni monoteistiche come “uno dei più importanti attributi di Dio”. “C'è un aspetto della misericordia che va oltre i confini della Chiesa cattolica”, ha detto, osservando che “la misericordia scaccia ogni forma di violenza e di discriminazione”. Per questo, secondo il Vicario, costituisce un approccio e un criterio “rilevanti per l'area del Medio Oriente e in Terra Santa, dove l'odio e la violenza, hanno sopraffatto la compassione e la misericordia”.
Il Vescovo ha sottolineato la necessità di conciliare misericordia e giustizia”, notando l’importanza di insegnare e diffondere nell’educazione dei giovani il paradigma della “misericordia verso gli altri”. “L'educazione – ha detto mons. Shomali – ha un ruolo cruciale nel favorire la pace o l'odio, compassione o vendetta”, invitando a “rimuovere dal curriculum delle nostre scuole qualunque passaggio danneggi l'immagine dell’altro o contribuisca a far crescere l’esclusione”. “Abbiamo bisogno di creare nuovi programma di apprendimento con testi scolastici che contengono valori condivisi” ha concluso, e la misericordia è uno di questi. (PA) (Agenzia Fides 12/3/2016)


Condividi: Facebook Twitter Google Blogger Altri Social Network