ASIA/SIRIA - Attentato nel quartiere cristiano di Qamishli: 3 morti e 10 feriti

lunedì, 25 gennaio 2016 terrorismo  

Qamishli (Agenzia Fides) – E' di tre morti e di 10 feriti il bilancio dell'attentato realizzato nella serata di domenica 24 gennaio davanti a un internet cafè nel centro di Qamishli, seconda città della provincia siriana nord-orientale di Hassakè. A portare ancora una volta morte e devastazione nel quartiere abitato in maggioranza da cristiani sono stati due ordigni, uno dei quali collocato su una moto-bomba, nella via conosciuta come “Miami street”, dal nome del ristorante che ospita.
“Tutte e tre le vittime sono cristiane: si tratta di un caldeo e di due siro-ortodossi” riferisce all'Agenzia Fides l'Arcivescovo Jacques Behnan Hindo, a capo dell'arcidiocesi siro cattolica di Hassakè-Nisibi. “Al momento” prosegue l'Arcivescovo Hindo “ci sono voci ancora indistinte che parlano di una rivendicazione dell'attentato da parte dei jihadisti del Daesh. Ma c'è anche chi mette in relazione gli attentati ai recenti scontri tra milizie curde, che mirano a controllare quel quartiere, e i gruppi di autodifesa “Sootoro”, formati da giovani cristiani siri e assiri, che sono attivi in quella zona. Quindi, in molti pensano che dietro all'attentato potrebbero esserci anche mandanti e esecutori curdi. E' un altro dei fattori inquietanti di questa guerra: c'è il terrorismo, ma a volte non sappiamo chi davvero ci terrorizza”.
I funerali delle tre vittime si svolgeranno oggi pomeriggio.
Già lo scorso 20 dicembre gli attentati contro due ristoranti di Qamishli, appartenenti a proprietari cristiani, avevano provocato la morte di 13 cristiani e 6 musulmani. Di recente (vedi Fides 20/1/2016), il Patriarca siro ortodosso Mar Ignatius Aphrem II si era recato a Qamishli, nel governatorato siriano nord-orientale di Hassakè, per compiere una mediazione riconciliatrice tra le milizie curde e i gruppi di autodifesa Sootoro. (GV) (Agenzia Fides 25/1/2016).


Condividi: Facebook Twitter Google Blogger Altri Social Network