VATICANO - Il Card. Filoni: solo la pace potrà salvare le comunità cristiane autoctone in Mesopotamia

giovedì, 29 ottobre 2015 chiese locali  

Roma (Agenzia Fides) – In Iraq e in Siria, “senza la pace, non c'è speranza per nessuno”, e solo la fine dei conflitti settari potrà garantire la sopravvivenza delle comunità cristiane autoctone fiorite fin dai tempi apostolici nello spazio geografico della Mesopotamia. Così il Card. Fernando Filoni, Prefetto della Congregazione per l'Evangelizzazione dei Popoli, ha richiamato le insidie che minacciano il presente e il futuro dei cristiani in ampie aree del Medio Oriente. Lo ha fatto nel corso della presentazione del suo libro «La Chiesa in Iraq. Storia, sviluppo e missione, dagli inizi fino ai nostri giorni», svoltasi nel pomeriggio di mercoledì 28 ottobre presso l'Aula Magna della Pontificia Università Urbaniana.
L'attualità e il consistente valore documentario del volume scritto dal porporato e pubblicato dalla Libreria Editrice Vaticana, sono stati esposti dai relatori intervenuti nel corso della presentazione: Il rettore della Pontificia Università Urbaniana p. Alberto Trevisiol, il Patriarca di Babilonia dei Caldei, Louis Raphael I, e il professor Joseph Yakoub, titolare della cattedra Unesco “Mémoire, cultures et interculturalitè” dell'Università cattolica di Lione. Alla presentazione, moderata dalla professoressa Lorella Congiunti, vice-rettore dell'Ateneo pontificio, insieme ai Cardinali Tarcisio Bertone e Giovanni Battista Re hanno presenziato numerosi Vescovi caldei, che in questi giorni sono convenuti a Roma per partecipare all'assemblea sinodale della loro Chiesa.
Il volume del Card. Filoni – che durante l'incontro ha più volte fatto riferimento alla sua esperienza di Nunzio apostolico in Iraq e Giordania dal 2001 al 2006, proprio negli anni segnati dall'intervento militare a guida Usa e dal crollo del regime di Saddam Hussein - ripercorre la storia, lo sviluppo e la missione delle comunità cristiane nello spazio geografico corrispondente all'attuale Iraq, dagli inizi ai nostri giorni. L'opera – come è emerso anche dagli interventi dei relatori – rappresenta un antidoto prezioso al pressappochismo che maltratta anche le storie millenarie dei cristiani d’Oriente: «conoscere la storia delle cristianità del Vicino Oriente e in particolare della Mesopotamia» - così scrive l'autore - è l’unico modo di «comprendere le ragioni e le vicende drammatiche di quella regione e apprezzare la vita, la cultura, la testimonianza di fede e i motivi di attaccamento dei cristiani alla propria terra, ma anche l’odio dei loro nemici».
Negli interventi dei relatori, è emersa più volte la connotazione martiriale che continua a segnare anche oggi tutta la vicenda delle comunità cristiane di quelle terre. Il Rettore Trevisiol ha sottolineato il valore dell'opera anche come testimonianza di prossimità verso le Chiese che ora soffrono persecuzione da parte del “Califfato” jihadista. Il Patriarca caldeo Louis Raphael I ha annunciato l'imminente pubblicazione della versione araba del volume, e ha ricordato con gratitudine le due visite compiute dal Cardinal Filoni tra i profughi iracheni come Inviato speciale di Papa Francesco, nell'agosto 2014 e nei giorni di Pasqua di quest'anno. Il professor Yacoub, dal canto suo, ha messo il risalto la consistenza del volume dal punto di vista storiografico, facendo riferimento ai molti documenti inediti citati, “che il Cardinale Filoni ha esplorato in Nunziatura, negli anni della sua presenza in Iraq”. (GV) (Agenzia Fides 29/10/2015).


Condividi: Facebook Twitter Google Blogger Altri Social Network