AFRICA/LIBERIA - Il Card. Turkson in Liberia e Sierra Leone: “La Chiesa in prima linea contro ebola”

venerdì, 19 dicembre 2014

Monrovia (Agenzia Fides) - “Abbiamo visitato tutte le diocesi e abbiamo incontrato i responsabili dei progetti di assistenza della Chiesa e delle organizzazioni internazionali per assistere le popolazioni colpite dal virus ebola” dice all’Agenzia Fides da Monrovia (Liberia), p. Robert J. Vitillo, delegato presso le Nazioni Unite a Ginevra per la Caritas Internationalis, che ha accompagnato il Card. Peter Kodwo Appiah Turkson, Presidente del Pontificio Consiglio della Giustizia e della Pace, nella sua visita in Sierra Leone e Liberia, due dei Paesi, insieme alla Guinea, più colpiti da ebola.
“Abbiamo incontrato i Vescovi dei due Paesi e i responsabili delle Caritas nazionali e diocesane, e abbiamo constatato come la Chiesa sia molto impegnata nel rispondere all’emergenza rappresentata da ebola, specialmente nel mobilitare le persone educandole alla prevenzione. Le parrocchie hanno un ruolo importante nell’insegnare come impedire la diffusione del virus” sottolinea p. Vitillo.
“Uno dei drammi provocati da ebola sono gli orfani: nella sola Sierra Leone ci sono oltre 2.500 ragazzi resi orfani dal virus. Le famiglie di origine li respingono perché temono che possano essere fonte di contagio, cosa assolutamente falsa – evidenzia il sacerdote -. Ci sono alcuni progetti della Chiesa a loro favore, come quello dei Salesiani nei pressi di Freetown (Sierra Leone) che prevede una prima accoglienza di 120 ragazzi per poi cercare di farli riaccettare dalle famiglie. Ci vorrà tempo, ma stanno lavorando in questo senso”.
“Un altro problema sono le famiglie poste in quarantena sanitaria che non hanno i mezzi per comprare gli alimenti - prosegue il rappresentante di Caritas Internationalis -. Le parrocchie si sono organizzate per portare cibo a queste famiglie”.
“Infine tutte le strutture sanitarie della Chiesa nei Paesi colpiti sono mobilitate per affrontare l’emergenza” afferma p. Vitillo, che conclude: “il lavoro più importante è sul lungo periodo, per combattere la stigmatizzazione sociale di coloro che sono sopravvissuti a ebola, circa il 50% degli infettati”. (L.M.) (Agenzia Fides 19/12/2014)


Condividi: Facebook Twitter Google Blogger Altri Social Network