http://www.fides.org

News

2013-09-16

AFRICA/TANZANIA - Trasferito a Dar es Salaam il sacerdote colpito con l’acido a Zanzibar

Dar es Salaam (Agenzia Fides)- Un sacerdote cattolico, p. Anselmo Mwanga’mba, è stato assalito da ignoti con un getto di acido che gli ha procurato gravi lesioni, nell’isola di Zanzibar (Tanzania), il 13 settembre.
“L’acido l’ha colpito al volto, alle braccia e al petto. P. Anselmo è ricoverato al National Hospital di Dar Es Salaam dove mi sto recando per incontrarlo” dice Mons. Augustine Shao Vescovo di Zanzibar, raggiunto telefonicamente dall’Agenzia Fides.
P. Mwanga’mba è stato assalito nel pomeriggio del 13 settembre nella capitale dell’isola, Stone Town, all’uscita da un internet-caffe da un gruppo di uomini che gli hanno lanciato addosso l'acido.
Il Presidente di Zanzibar Ali Mohammed Shein ha condannato il grave atto di violenza ed ha promesso un’azione decisa per bloccare quella che ha definito “una rete criminale” responsabile degli ultimi assalti con l’acido. “Non possiamo vivere nella paura costante di individui fuori controllo che usano l’acido come un’arma” ha ribadito Shein visitando il sacerdote all’ospedale di Zanzibar dove era stato in un primo momento ricoverato.
Le autorità dell’isola hanno offerto un premio di 6.000 dollari per chiunque fornisca informazioni utili a far arrestare gli autori di gesti di questa natura. Ad agosto due 18enni britanniche che facevano volontariato in una scuola, furono vittime di un attacco simile.
Nel novembre 2012 Fadhil Suleiman Soraga, Segretario del Mufti Capo di Zanzibar, fu colpito da ignoti con un getto di acido, perdendo un occhio. A febbraio è stato ucciso a Zanzibar p. Evarist Mushi (vedi Fides 18/2/2013), mentre a Natale era stato gravemente ferito in un agguato un altro sacerdote cattolico, Ambrose Mkenda, Inoltre alcune chiese sono state bruciate. La Chiesa cattolica ha più volte denunciato il clima di intimidazione contro i cristiani e la propaganda di chi incita allo scontro interreligioso (vedi Fides 22/5/2013). (L.M.) (Agenzia Fides 16/9/2013)

Condividi: Facebook Twitter Google Blogger Altri Social Network