http://www.fides.org

News

2013-06-27

ASIA/INDIA - Cristiani percossi e boicottati in Orissa per accuse di “conversioni forzate”

Bhubaneswar (Agenzia Fides) – Estremisti indù hanno lanciato una serie di attacchi e azioni di boicottaggio contro i cristiani nello stato di Orissa (India orientale). Come riferiscono a Fides fonti locali, il 24 giugno un nutrito gruppo di estremisti indù ha fatto irruzione in una riunione della “Chiesa pentecostale indipendente”, nel villaggio di Canalpada, nel distretto di Duagarh. I militanti hanno accusato i presenti di compiere “conversioni forzate” e li hanno costretti a terminare l’incontro. I sette leader cristiani presenti, per evitare conflitti, hanno preso un’auto per tornare a casa, ma i militanti in motocicletta hanno ostacolato l’auto, provocandone il ribaltamento. I passeggeri, fra i quali, il Pastore Sura Mahat Samal, hanno riportato ferite lievi e sono stati condotti in ospedale.
Secondo fonti di Fides, sono gli estremisti indù del gruppo “Rashtriya Swayamsevak Sangh” (RSS, “Corpo dei volontari indù”) ad aver organizzato una serie di attacchi contro i cristiani in Orissa. I cristiani sono “indesiderati e cacciati”. In un latro episodio riferito a Fides, nel distretto Malkangiri, il 10 giugno scorso, circa 70 abitanti di un villaggio indù hanno attaccato i cristiani con spade e bastoni, ferendo gravemente alcuni fedeli e danneggiando due case. A partire dall’aprile scorso ai cristiani del villaggio viene impedito di attingere acqua dal pozzo pubblico. Le famiglie cristiane hanno iniziato ad attingere acqua dal fiume vicino ma, a causa di forti piogge, il fiume è diventato fangoso. L'8 maggio, una donna cristiana, Mongli Madhi, si è recata a prendere l'acqua dal pozzo pubblico. Tre estremisti indù l’hanno bloccata e percossa duramente. Il giorno dopo, i tre estremisti sono andati a casa della donna e, in assenza del marito, l’hanno nuovamente picchiata, ferendola gravemente. Date le minacce e la discriminazione subita, i cristiani sono stati costretti a trasferirsi in un'altra zona. (PA) (Agenzia Fides 27/6/2013)

Condividi: Facebook Twitter Google Blogger Altri Social Network