http://www.fides.org

News

2013-05-27

ASIA/SIRIA - Appello della Chiesa siro-ortodossa: “C’è speranza: fate di più per liberare i nostri Vescovi”

Damasco (Agenzia Fides) – “C’è uno sprazzo di speranza per la sorte dei due Vescovi di Aleppo rapiti in Siria un mese fa. Chiediamo che vengano diffuse foto o filmati recenti dei due e che la Coalizione Nazionale dell’opposizione siriana faccia ogni sforzo possibile per liberarli”: lo dice all’Agenzia Fides il Vescovo metropolita Timoteo Matta Fadil Alkhouri, Assistente Patriarcale nel Patriarcato Siro-Ortodosso di Antiochia, confratello del Vescovo siro-ortodosso Gregorio Yohanna Ibrahim, tuttora nelle mani dei rapitori con il vescovo greco-ortodosso Boulos al-Yazigi. Due giorni fa, a Istanbul, Abdul Ahad Steipho dirigente della Coalizione Nazionale dell'opposizione siriana, a margine di un incontro ha detto ai cronisti che “due o tre giorni fa un medico ha visitato i due vescovi: stanno bene”, senza fornire altri dettagli sui sequestratori.
“Abbiamo appreso con gioia e trepidazione questa notizia, anche se non abbiamo alcuna conferma o certezza. Ora sappiamo che c’è qualcuno che ha avuto contatti diretti con i Vescovi. Questo ci dà rinnovata speranza, questi voci ci confortano, ma bisogna fare di più”, spiega il Vescovo a Fides.
“Non sappiamo bene da chi e da dove provengano queste informazioni. I leader della Coalizione nazionale dell’Opposizione – prosegue – ci hanno detto di avere delle notizie ma di non avere il controllo della situazione. Secondo quanto affermano i governo di Siria, Turchia e Libano, i vescovi si troverebbero nell’area fra Aleppo e la Turchia, nella zona di confine, in territorio siriano. Quest’area è fuori dal controllo del governo siriano e di quello turco. Ci sono altri gruppi armati a controllarlo”. La Chiesa siro-ortodossa auspica una svolta reale: “Oggi lanciamo un appello perché possiamo capire cosa vogliono i gruppi che li hanno presi, e perché pubblichino prove certe, come foto e filmati, per confermare che sono vivi. Siamo pronti a fare qualsiasi cosa per loro: vogliamo intavolare contatti con i rapitori. Ancora non sappiamo nulla di preciso, non ci sono giunte richieste. Per questo continuiamo a tenere stretti contatti con i governi, con l’opposizione siriana, con i capi islamici. Ma non basta”, dice il Metropolita.
“Questa notizia – ribadisce il Vescovo – dà speranza al popolo siriano. Noi ci preoccupiamo per i Vescovi e per i sacerdoti rapiti, ma anche per tutta la popolazione: i nostri fedeli cristiani stanno lasciando il paese, l’emorragia continua ed molto dolorosa per noi”.
La solidarietà espressa dalle Chiese in tutto il mondo “è un prezioso conforto”: “Ogni domenica si continua a pregare per i vescovi, a celebrare Sante messe, in Siria, in medio Oriente e in altri paesi del mondo. Ringraziamo tutti e confidiamo in Dio. Chiediamo a Papa Francesco di pregare per noi”. (PA) (Agenzia Fides 27/5/2013)

Condividi: Facebook Twitter Google Blogger Altri Social Network