AFRICA/MALI - La popolazione è favorevole all’intervento militare internazionale per liberare il nord

martedì, 23 ottobre 2012

Bamako (Agenzia Fides) - “La maggioranza della popolazione è favorevole alla prospettata azione militare internazionale per riconquistare il nord del Mali” dice all’Agenzia Fides don Edmond Dembele, Segretario della Conferenza Episcopale del Mali, da Bamako. Dopo la riunione internazionale del 19 ottobre si profila infatti un intervento militare dei Paesi della CEDEAO per aiutare l’esercito maliano a riconquistare il nord del Paese dai gruppi islamisti che da mesi lo controllano. Alla riunione hanno partecipato rappresentanti dell’ONU, dell’Unione Africana, dell’Unione Europea e della CEDEAO (Comunità Economica degli Stati dell’Africa Occidentale) oltre che del Mali e di Paesi limitrofi come l’Algeria.
“Coloro che vivono al nord e subiscono le angherie dei gruppi islamisti sono infastiditi dalle esitazioni del potere che risiede a Bamako ed auspicano un intervento celere per recuperare la loro libertà. Ma anche al sud la popolazione soffre per la crisi del nord. È tutto il Paese che soffre e che vuole una rapida liberazione del settentrione dai gruppi islamisti” dice don Dembele.
I militari golpisti che a marzo avevano preso il potere, salvo poi cederlo a istituzioni civili dette di “transizione”, all’inizio si opponevano alla presenza in Mali di soldati stranieri. Ma dopo la riunione del 19 ottobre “all’interno dell’esercito non sono emerse posizioni manifestamente contrarie all’intervento militare internazionale” riferisce don Dembele. “Solo un gruppo di partiti che sostengono i militari golpisti ha raggruppato qualche centinaio di persone per manifestare contro l’intervento militare della CEDEAO. La maggior parte della popolazione è però favorevole al ricorso delle armi e all’intervento esterno per mettere fine a questa crisi che dura da troppo tempo” conclude don Dembele. (L.M.) (Agenzia Fides 23/10/2012)


Condividi: Facebook Twitter Google Blogger Altri Social Network