AMERICA/HONDURAS - “L’Honduras continua ad essere macchiato di sangue dalla violenza” denuncia il Vescovo ausiliare di Tegucigalpa

martedì, 4 settembre 2012

Tegucigalpa (Agenzia Fides) – Il Vescovo ausiliare di Tegucigalpa, Sua Ecc. Mons. Juan José Pineda, ha esortato i fedeli ad agire in modo coerente con la religione cattolica, per contrastare la violenza che insanguina la nazione. Nel contesto dell'inizio del mese della patria in Honduras, domenica 2 settembre il Vescovo ha ricordato che "nella storia e nei testi del nostro inno nazionale, i nostri eroi e il nostro popolo sono stati macchiati di sangue, oggi l’Honduras continua ad essere ‘macchiato di sangue’ a causa della violenza nel paese”.
Una nota pervenuta all’Agenzia Fides riferisce della riflessione fatta dal Vescovo nella sua omelia, dove ha denunciato: “nel nostro paese c'è violenza, non c'è la pace. C'è ancora odio e non vediamo la fraternità. Per un cristiano non basta andare a Messa la domenica. Non dico che non sia importante questa celebrazione, ma ad essa deve corrispondere una vita coerente". Mons. Pineda ha esortato i fedeli a vivere la fede, ad aiutare i bisognosi e a non "sporcarsi le mani con la violenza", che spesso allontana da Dio. La persona che vive la giustizia non è impegnata in cose straordinarie, ma vive in modo onesto, ha intenzioni leali, non pensa di fare del male al prossimo, né calunnia il suo vicino, non presta denaro a usura, né agisce contro l'innocente.
Da qualche settimana pubblicazioni e autorità religiose hanno commentato l'ultimo rapporto pubblicato dall’Osservatorio della Violenza, stilato dall'Università Nazionale Autonoma dell’Honduras (UNAH), dove si legge che nell'anno 2011 la media giornaliera degli omicidi era arrivata a 20 vittime. Il rapporto, diffuso anche dalla stampa locale, fa notare un aumento rispetto al 2010. Il totale di morti per cause esterne è stato di 9.799 (7.104 omicidi, 1.098 incidenti stradali, 730 morti per cause non determinate, 551 per altre cause e 316 suicidi). (CE) (Agenzia Fides, 04/09/2012)


Condividi: Facebook Twitter Google Blogger Altri Social Network