http://www.fides.org

Vaticano

2003-05-23

VATICANO - IL NUOVO ORDINE INTERNAZIONALE SECONDO LA DOTTRINA SOCIALE DELLA CHIESA: MONS. MARTINO INTRODUCE IL CONVEGNO INTERNAZIONALE SU “CHIESA E ORDINE INTERNAZIONALE”

Città del Vaticano (Agenzia Fides) - “La centralità della persona umana e la naturale relazione tra le persone e tra i popoli sono le indicazioni fondamentali della dottrina sociale della Chiesa per la comunità internazionale, la cui regolamentazione deve essere finalizzata a garantire un effettivo bene comune universale dell’umanità, salvaguardando la fisionomia e l’identità proprie di ogni popolo”. Lo afferma il Presidente del Pontificio Consiglio della Giustizia e della Pace, Arcivescovo Renato Martino, nella introduzione generale del Convegno internazionale promosso a Roma, il 23 e 24 maggio, dalla Pontificia Università Gregoriana e dall’Istituto internazionale Jacques Maritain nell’Aula Magna dell’ateneo pontificio sul tema: “Chiesa e ordine internazionale”, in occasione del quarantennale della Pacem in Terris di Giovanni XXIII.
Dopo aver rilevato che la dottrina sociale della Chiesa fonda l’ordine internazionale su valori etici e giuridici tendenti alla solidale convivenza e collaborazione tra le diverse comunità politiche, il presule sottolinea che l’obiettivo preminente di tale insegnamento è di legare le relazioni tra gli Stati ad un concetto di giustizia internazionale quale componente essenziale del bene comune. Con implicito riferimento alla critica situazione attuale, Monsignor Martino ricorda che “la libertà e il ripristino del diritto non sono mai stati raggiunti attraverso l’uso della forza e la guerra” e afferma che “gli strumenti normativi in alternativa alla forza armata, già esistenti nel diritto internazionale, devono essere ripensati in modo da renderli rispondenti alle effettive esigenze della comunità internazionale rafforzandone anzitutto la portata e la cogenza”.
“Nella prospettiva delineata dalla dottrina sociale della Chiesa per un rinnovato ordine internazionale – aggiunge il Presidente di Giustizia e Pace – la comunità internazionale non deve più proporsi come semplice momento di aggregazione della vita degli Stati, ma trasformarsi in un’effettiva struttura in cui i conflitti possano essere pacificamente risolti e gli interessi delle singole parti tutelati e ricomposti sulle basi di vera giustizia”. L’azione e l’evoluzione del diritto internazionale devono essere inoltre finalizzate a favorire un reale sviluppo socio-economico con il superamento dei persistenti e drammatici squilibri tra Paesi, aree geografiche e popolazioni.
Monsignor Martino rammenta ancora che “il Magistero sociale della Chiesa sollecita con insistenza la costituzione di poteri pubblici sul piano mondiale” e che “i contrasti tra popoli e nazioni possono essere superati solo attraverso una concertazione, cioè l’instaurazione di una fitta rete di rapporti finalizzati al raggiungimento di obiettivi comuni, ed una effettiva cooperazione”. Solo così potrà realizzarsi la speranza espressa da Papa Giovanni nella Pacem in Terris: “che gli uomini, incontrandosi e negoziando, abbiano a scoprire meglio i vincoli che li legano, provenienti dalla loro comune umanità, e abbiano pure a scoprire che una fra le più profonde esigenze della loro comune umanità è che tra essi e tra i rispettivi popoli regni non il timore, ma l’amore: il quale tende ad esprimersi nella collaborazione leale, multiforme, apportatrice di molti beni. (S.L.) (Agenzia Fides 23/5/2003 – Righe 34; Parole 466)

Condividi: Facebook Twitter Google Blogger Altri Social Network