AMERICA/EL SALVADOR - Gli occupanti lasciano la Cattedrale di San Salvador, una commissione studia le loro richieste

martedì, 17 aprile 2012

San Salvador (Agenzia Fides) – Finalmente la Cattedrale Metropolitana di San Salvador è stata riconsegnata alla Chiesa locale. Ieri i manifestanti che per oltre tre mesi, esattamente dall’11 gennaio 2012 (vedi Fides 16/01/2012), erano entrati nella Cattedrale metropolitana di San Salvador occupandola, hanno lasciato la chiesa, dopo un incontro con il Procuratore per la Difesa dei Diritti Umani (PDDH), Oscar Luna, e con Sua Ecc. Mons. Gregorio Rosa Chavez, Vescovo ausiliare di San Salvador. Con il suono delle campane e una visita alla cripta che custodisce la tomba di Mons. Oscar Arnulfo Romero, è stato completato l'atto di riconsegna delle chiavi del tempio, situato nel centro della città di San Salvador.
Per lasciare la chiesa, i manifestanti hanno chiesto al PDDH di intervenire, presso il governo, in modo che le loro richieste siano soddisfatte e non dimenticate, come ha spiegato Mons. Rosa Chavez nella nota inviata all'Agenzia Fides. I manifestanti chiedono il reinserimento di alcuni dipendenti della Polizia Nazionale Civile (PNC) che sono stati rimossi senza un giusto processo, ed anche il reinserimento di Luis Alberto Ortega nell'Assemblea Legislativa, un assegno familiare (o dei generi alimentari) ai pensionati di guerra o alle loro famiglie. Queste richieste saranno studiate da una Commissione creata ad hoc, costituita da rappresentanti della Chiesa, del potere Esecutivo e dai manifestanti. La data della prima riunione non è stata ancora annunciata.
Da quando era avvenuta l’occupazione, nella Cattedrale, non vi sono state più celebrate le Messe o altri momenti di preghiera. Anche durante la Settimana Santa e la Pasqua è stata chiusa e le celebrazioni si sono svolte presso la Basilica del Sacro Cuore di Gesù, sempre nel centro della città di San Salvador. (CE) (Agenzia Fides, 17/04/2012)


Condividi: Facebook Twitter Google Blogger Altri Social Network