OCEANIA/NUOVA ZELANDA - La Chiesa e le scuole cattoliche schierate per il rispetto della vita, contro la legge sugli “aborti facili”

martedì, 20 luglio 2004

Wellington (Agenzia Fides) - No agli “aborti facili”, per ragazze minorenni, che possono abortire senza il consenso dei genitori: la Chiesa cattolica in Nuova Zelanda e specialmente le scuole cattoliche hanno lanciato una campagna per ribadire il rispetto della vita e dire “no” a una nuova legge sull’aborto che viene esaminata in questi giorni dal Parlamento neozelandese. La legge va verso una liberalizzazione della pratica abortiva e, se fosse approvata, permetterebbe alle ragazze minorenni di abortire senza anche senza aver avuto un previo consenso dei genitori.
Commentando il provvedimento all’esame del Parlamento, Fratel Pat Lynch, responsabile dell’Ufficio per l’Educazione, nella Conferenza Episcopale neozelandese, ha detto a Fides che “esso e del tutto difforme rispetto al clima e al sistema sociale ed educativo vigente nel paese”.
“Oggi - ha detto - le scuole richiedono un permesso scritto dei genitori per lasciare uscire gli studenti per una visita medica. Paradossalmente, con questa legge, si interromperebbe il rapporto di reciproca collaborazione fra scuola e famiglia proprio su una materia così delicata. Infatti una studentessa potrebbe chiedere direttamente al consulente scolastico la possibilità di abortire, tenendo del tutto al di fuori la famiglia”.
“Stiamo parlando di questioni di vita o di morte - ha aggiunto - che non possono essere affrontate con leggerezza. Non mi sembra questa sia una questione che riguardi solo i cattolici: essa tocca tutte le famiglie neozelandesi”.
Fratel Lynch ha notato che il problema della legislazione sull’aborto è vissuto con maggiore attenzione dalle scuole cattoliche che cercano di mantenere al loro interno uno standard di valori morali e una prassi educativa in sintonia con la dottrina cattolica.
In Nuova Zelanda vi sono attualmente 240 istituti d’istruzione cattolici, con oltre 62mila studenti iscritti. Il 2004 ha registrato un incremento delle iscrizioni, dovuto alla generale approvazione per l’alta qualità di istruzione offerta dalle scuole cattoliche.
(PA) (Agenzia Fides 20/7/2004 lines 26 words 286)


Condividi: Facebook Twitter Google Blogger Altri Social Network