ASIA/CINA - Programma di studio sistematico itinerante di San Paolo nella diocesi di Nan Chong, seguendo le indicazioni del Santo Padre per l’Anno Paolino

giovedì, 16 ottobre 2008

Pechino (Agenzia Fides) – Durante il mese di ottobre, mese missionario e mese del Rosario, camminando verso la Giornata Missionaria Mondiale, la diocesi di Nan Chong si sta mobilitando spiritualmente, in comunione con la Chiesa universale, seguendo le indicazioni del Santo Padre Benedetto XVI. Fin da quando il Santo Padre ha indetto l’Anno Paolino, la diocesi ha subito preparato un programma pastorale per vivere questo Anno giubilare di San Paolo, organizzando un calendario preciso di studio paolino che si articola in quattro fasi, dall’agosto 2008 ad aprile 2009: così la teologia paolina è stato il tema di studio e riflessione in agosto; le Lettere paoline in questo mese di ottobre; lo spirito missionario paolino sarà l’oggetto di riflessione per gennaio 2009 e il metodo missionario e la meditazione nell’aprile 2009.
Inoltre è stato anche scelto ogni volta un luogo diverso per svolgere questo studio paolino, perché tutte le parrocchie e le comunità possano essere protagoniste dell’iniziativa, e anche perché in questo modo si crea una occasione di incontro e di maggiore conoscenza di tutti i membri della diocesi. In vista della prossima Giornata Missionaria Mondiale, lo studio delle Lettere paoline si è svolto nella parrocchia di Jian Yang. I partecipanti agli incontri hanno anche ricevuto una copia della Sacra Scrittura insieme ad un Crocifisso durante il solenne mandato missionario conclusivo.
Fin dal 1746 la popolazione dell’attuale diocesi di Nan Chong aveva conosciuto il messaggio di Cristo. Nel 1930 venne eretto il Vicariato Apostolico e nel 1946, l’anno dell’istituzione della Gerarchia in Cina, venne creata la diocesi. Oggi la comunità cattolica di Nan Chong è composta da più di 80.000 fedeli, 15 sacerdoti, 11 seminaristi maggiori, 25 religiose di una congregazione diocesana; dispone di 45 chiese e 28 luoghi di preghiera. (NZ) (Agenzia Fides 16/10/2008)


Condividi: Facebook Twitter Google Blogger Altri Social Network