OCEANIA/NUOVA ZELANDA - “Tutti sono chiamati alla missione”: la comunità cattolica in Nuova Zelanda con San Paolo verso la Giornata Missionaria Mondiale

mercoledì, 15 ottobre 2008

Wellington (Agenzia Fides) – Un poster di San Paolo che annuncia ai fedeli: “Tutti sono chiamati alla missione”, riportando il versetto della Lettera ai Corinzi: “Guai a me se non annunciassi il Vangelo” (1 Cor 9,16). Con queste esortazioni, che intendono ricordare a ogni cristiano la fondamentale chiamata all’evangelizzazione, la comunità cattolica in Nuova Zelanda si prepara a celebrare la Giornata Missionaria Mondiale, il 19 ottobre prossimo.
Per l’occasione le Pontificie Opere Missionarie (POM) della Nuova Zelanda, guidate da p. Paul Shannahan, hanno predisposto e firmato i poster, esposto in tutte le chiese, parrocchie e associazioni, coniugando l’evento della Giornata Missionaria Mondiale con l’Anno Paolino, riprendendo le parole del Santo Padre, il quale ha definito San Paolo “il più grande missionario di tutti i tempi”.
Il focus sulla missione, sulla necessità dell’impegno individuale, tramite un sostegno materiale e spirituale, sarà messo in luce in tutte le celebrazioni liturgiche domenicali. I Vescovi della Nuova Zelanda hanno anche approvato la disposizione per cui le offerte dei fedeli, raccolte in tutte le Sante Messe della Giornata, su tutto il territorio nazionale, saranno interamente devolute alle missioni attraverso le POM.
La sensibilizzazione sulle tematiche della missione e dell’evangelizzazione oggi anche nel proprio paese, è operata inoltre attraverso una newsletter, “Mission News”, che nel mese dell’ottobre missionario circola in parrocchie, scuole, case religiose, strutture sociali cattoliche e non, con lo scopo di motivare sempre più i fedeli, sacerdoti, religiosi, laici, famiglie, sull’urgenza della missione, che tocca ogni cristiano.
(PA) (Agenzia Fides 15/10/2008 righe 28 parole 289)


Condividi: Facebook Twitter Google Blogger Altri Social Network