http://www.fides.org

Africa

2003-09-04

AFRICA/LIBERIA - DOPO LA PARTENZA DI TAYLOR ANCORA IMPERVERSANO IN LIBERIA I SUOI EX MILIZIANI. APPELLO DELLE MISSIONARIE DELLA CONSOLATA: “A BUCHANAN SITUAZIONE DRAMMATICA PER LA MANCANZA DI CIBO”

Monrovia (Agenzia Fides)- “Manca il cibo a Buchanan”, dicono all’Agenzia Fides le Missionarie della Consolata da Harbel, che si trova a 50 km a sud da Monrovia, capitale della Liberia. Buchanan, il principale porto del paese, a circa 90 km da Monrovia “Non è possibile raggiungere questa località, perché bisogna attraversare posti di blocco, controllati dall’esercito governativo, dai ribelli del MODEL (Movimento per la Democrazia in Liberia), e da milizie nate dalla dissoluzione dei gruppi armati dell’ex presidente Charles Taylor” dicono le missionarie. “I più pericolosi sono questi ultimi. Si tratta dei fedelissimi dell’ex presidente, che quando questi ha lasciato il paese, si sono divisi in mille gruppi sparsi su tutto il territorio. Per la maggior parte si tratta di ragazzi molto giovani guidati da un capo appena più grande di loro. Questi ragazzi assaltano i villaggi, derubando la povera gente, compiendo violenze contro le donne”.
I maggiori responsabili del blocco di Buchanan sono proprie queste milizie irregolari. “Diverse Ong internazionali e noi stesse abbiamo cercato di raggiungere Buchanan con cibo e medicine” dicono le suore. “Purtroppo i guerriglieri lasciano passare solo un po’ di medicine e i biscotti ad alto contenuto proteico, adatti ai bambini. Tutto il resto, soprattutto riso e farina di mais, viene rapinato dai miliziani, che così mangiano sulle spalle dei cittadini innocenti.”
“La forza d’intervento internazionale in Liberia (ECOMIL) ha annunciato che la prossima settimana dispiegherà un contingente a Buchanan” affermano le suore. “Si sta anche negoziando con il MODEL, che controlla il porto della città, l’arrivo via mare di rifornimenti alimentari”.
Nel nord del paese si sta verificando un altro dramma: decine di migliaia di persone in fuga dalla città di Totota (a 80 chilometri a nordovest di Monrovia). “Intere famiglie sono sulla strada con i loro poveri fagotti per sfuggire alle violenze delle ex milizie di Taylor” raccontano le missionarie.
(L.M) (Agenzia Fides 4/9/2003 righe 27 parole 330)

Condividi: Facebook Twitter Google Blogger Altri Social Network